Tessuti per divani, come sceglierli

Come rivestire un divano

Se state riflettendo su come attualizzare la tappezzeria del vostro sofà, nello scegliere i tessuti per divani, non dimenticate che le tinte unite sono in genere più facili da abbinare rispetto alle fantasie. I toni neutri non passano mai di moda – parliamo di bianco, nero e beige, mentre le fantasie (fiori, righe, pois) ben si adattano a un ambiente informale o dallo stile più tipico che va dal country allo shabby chic. In fase di rinnovamento, dovrete anche mettere in preventivo di occuparvi dei cuscini, sviluppando piacevoli armonie di colori oppure suggestivi contrasti. Occorre prestare massima attenzione alla scelta della stoffa più idonea che dovrà tenere necessariamente conto dello stile dell’abitazione in generale. In questo senso potrete optare per un "tutt'uno" tanto cromatico quanto di materiali oppure agire nel versante opposto, dedicandovi allo sviluppo dei contrasti.

Un sistema originale per ricoprire il divano, è l’uso di vecchi copriletti, meglio in tonalità chiare, da fissare successivamente con ago e filo ai braccioli, una volta sistemati nella posizione più idonea. In tal modo la copertura non si muoverà e l’estetica iniziale rimarrà fissa nel tempo. Sarà un po’ più difficile, in questo caso, quando si desidera procedere al lavaggio, in quanto va smontata la struttura tessile nella sua interezza.

In foto: divano e poltrona rivestiti con tessuti Sanderson

Come rivestire un divano


Tappezzeria divani

Tappezzeria divani Il tappezziere è la figura più tradizionale e indicata per applicare i tessuti per divani da voi prescelti in modo ottimale. Normalmente i negozi che vendono i tessuti si avvalgono di un artigiano di fiducia che si occupa di tutto: ritira il divano o la poltrona, lavorando su misura nel suo laboratorio. Recupera anche il tessuto dal negoziante e lo bagna prima di tagliarlo. A lavoro terminato, riconsegna il tutto a domicilio. Il prezzo per tappezzare un divano semplice ammonta in media a 150 euro a posto, escluso tessuto e occorre calcolare che per tappezzare un divano sono necessari circa 5 o 6 metri per ogni posto, se il tessuto è in tinta unita. Per quelli fantasia bisogna ricordarsi del rapporto del disegno e dello scarto per la ripetizione, quindi è necessario acquistare del tessuto in più.

I prezzi per tappezzare i divani ovviamente, lievitano notevolmente se si opta per tessuti di marca o di design.

In foto: divano nouveaux classique Mah Jong di Rochebobois personalizzabile, rivestito in tessuto Missoni Home

  • divano Il divano è un arredo fondamentale per lo spazio di casa e come tale deve essere scelto con attenzione: la forma, la dimensione, lo stile e soprattutto il rivestimento. Per rivestire i divani esistono...
  • Cuscini per divani ikea I cuscini per divani Ikea possono fare una differenza notevole nell’area living. In generale, trasformano la casa in luogo più accogliente, donandole personalità e allegria con i loro svariati colori ...
  • telo arredo bassetti I trend d'arredo più moderni stanno probabilmente decretando l'addio al copridivano classico e offrendo un benvenuto agli innovativi teli arredo, elementi capaci di fungere da validi sostituti. Ogni c...
  • copridivano ikea La grande realtà svedese Ikea non denomina i copridivano con questo nome, ma li appella Fodere Extra. Ecco che nell'eventualità di una ricerca, da compiersi sia in web che fisicamente negli store, c...


Tessuti per divani online

Tessuti per divani online Quando opzionate i tessuti per divani, dovete innanzitutto tener conto del tipo di fibre e dei materiali che meglio si adattano alle vostre esigenze. Date la precedenza ai rivestimenti sfoderabili, poiché sono più facili da pulire ed eventualmente anche da sostituire. Le fibre naturali sono più low-cost, ma in genere sono anche meno resistenti e più difficili da mantenere. Di questa categoria fanno parte i tessuti come: cotone, lino, lana, velluto di cotone, pelle e seta. Il cotone, la lana e il lino presentano trame diverse e pregiate, possono macchiarsi facilmente e bucarsi a lungo andare. La seta è pregiata ma delicata, è possibile usarla per un salotto ricco e raffinato, dove il divano viene sfruttato poco. I tessuti sintetici di nuova generazione sono più funzionali e durevoli, con una superficie morbida e gradevole al tatto. La similpelle è la variante sintetica della pelle: è più resistente nel tempo e meno deformabile ed è piuttosto economica.

Tutti questi tessuti sono disponibili online: badate bene di selezionare un sito affidabile, magari già sperimentato da più utenti. Meglio leggere le opinioni e i forum online. A volte per ordinare il tessuto prescelto, basta un click se siete già registrati.


Tessuti per divani, come sceglierli: Tessuti per divani Ikea

Tessuti per divani Ikea Per identificare la soluzione migliore tra i vari tessuti per divani, che soddisfi pienamente le vostre esigenze, considerate soprattutto il genere di ambiente in cui deve essere localizzato il divano e l'uso che ne farete; se si tratta di un arredo decorativo o che impiegate tutti i giorni, optate per un tessuto facile e da smacchiare e resistente. Selezionate il colore o la fantasia che si abbinano maggiormente al vostro salotto e alla vostra personalità.

Anche i tessuti per divani Ikea aiutano ad arredare la casa in modo personalizzato. Basta scegliere la fantasia preferita tra i vari tessuti a metraggio, dando vita alle proprie idee. Nei negozi Ikea oltretutto si trova ciò di cui si ha bisogno, anche in termini di accessori da cucito, come macchina da cucire, ago, filo e così via. Una soluzione ancora più pratica, però, è rappresentata dalle fodere messe in vendita da Ikea, che permettono di cambiare aspetto al proprio divani con la scelta di un rivestimento appositamente studiato per i differenti modelli di divano Ikea, così da avere un tessuto sfoderabile e lavabile.

In foto: rivestimento Blomstermåla.