Molteni un museo per gli 80 anni di design

Inaugurato il Museo del Gruppo Molteni firmato Jasper Morrison

Ha aperto i battenti oggi a Giussano (MB) il Museo del Gruppo Molteni. La data non è casuale: è l’anno di Expo, ed è anche la conclusione della settimana della cultura d’impresa promossa da Museimpresa, l’associazione che riunisce musei e archivi delle aziende italiane che, forti della loro storia, decidono di investire nella valorizzazione del proprio patrimonio industriale. Ma soprattutto, è l’anno di un compleanno importante: 80 per un Gruppo che ha portato l’eccellenza del made in Italy nel mondo. Progettato da Jasper Morrison, con l’immagine coordinata di Studio Cerri & Associati, il Museo ripercorre storia, innovazione, ricerca e qualità del l’azienda brianzola, attraverso una mostra permanente di 48 prodotti-icona e prototipi originali delle aziende del Gruppo: Molteni&C, Dada, Unifor e Citterio.
museo molteni

Leeds Display - Gancio per esposizione di un piatto, da 36 a 46 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


La mostra e il sodalizio con Gio Ponti

  • Museo del Gruppo Molteni
  • Gio Ponti nella sua casa di via Dezza, Credits Gio Ponti Archives
  • Disegno di Gio Ponti, Credits Gio Ponti Archives<p />
L’apertura è stata introdotta dalla proiezione dell’emozionante cortometraggio retrospettivo “Amare Gio Ponti”. Un ritratto del grande architetto milanese scomparso nel 79, presentato in anteprima al Milano Design Film Festival 2015 che, svelando i tratti più nascosti della personalità del maestro, dimostra come la sua idea di architettura – un’architettura che mette al centro l’uomo e le sue esigenze, fatta di idee semplici, rigore e sobrietà - si possa ritrovare in un grattacielo come in una sedia e sia ancora di straordinaria attualità. Una collezione rieditata, parte importante dell’immensa ed eclettica produzione di Gio Ponti, è presente al Museo. Un luogo vivo, di ricerca e di memoria, che rappresenta una riflessione sul patrimonio culturale e collettivo che ha portato la qualità del Made in Italy nel mondo. Non solo i pezzi di arredamento più celebri, ma documenti inediti, disegni e progetti, materiali di comunicazione grafica che grazie anche a un allestimento multimediale e un sito web dedicato rendono il percorso del museo anche un’esperienza fruibile on-line.
  • riciclantica valcucine Grande assente al salone del mobile appena concluso, la cucina funzionale non cessa mai di stupire per originalità in quanto a stile ma anche a ricerca tecnologica. La ricerca Valcucine ha realizzato ...
  • cucina isola Quando siamo alla soglia della scelta della cucina, la possibilità è di scegliere un elemento in linea retta, uno ad angolo, un elemento con penisola o ancora le isole cucina.Le cucine con isola si ...
  • cucina doimo aspen Nel corso degli ultimi anni la cucina va sempre più confermandosi quale cuore pulsante della casa, luogo polivalente in cui la preparazione del cibo si trasforma in un’arte da condividere con la famig...
  • colore cucina Ad Eurocucina la forza del colore e l’energia della luce rendono le nuove cucine più che mai attuali. Un' estetica giocata sui colore cucina fatto di cromatismi valorizza architetture semplici e linee...

TecTake Gazebo Padiglione da giardino per eventi il campeggio festa della birra con parti lateralin 3 x 3 m verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 41,99€


Molteni un museo per gli 80 anni di design: Il mondo Molteni

Il mondo Molteni Il Museo nasce da un lungo processo iniziato con la mostra 80!Molteni alla Galleria d’Arte Moderna di Milano, inaugurata ad aprile in occasione del Salone del Mobile, che ha dato vita al Molteni Archive, luogo destinato alla ricerca, alla conservazione e allo studio del patrimonio culturale del Gruppo Molteni, con sede nell’headquarter di Giussano, in un’antica casa colonica. Più di 4.500 i documenti raccolti, dai prototipi ai materiali cartacei e fotografici, senza dimenticare le fonti orali, interviste e video interviste. Un processo di digitalizzazione ancora oggi in atto (l’archivio sarà a breve on-line) a disposizione di studiosi e ricercatori, e che permetterà di collegarsi agli altri archivi presenti nelle più importanti fondazioni e istituzioni europee legate al mondo del design e dell’architettura, grazie a un particolare software dedicato.