Scope elettriche, innovazione e comodità nella pulizia della casa

Scope elettriche acquisto

Leggere, maneggevoli e facili da usare, le scope elettriche sono uno strumento privilegiato per quel che riguarda la pulizia della casa. Questa tipologia di prodotto è molto apprezzata dall’utenza per quanto riguarda innanzitutto le pulizie veloci e quotidiane, anche se va detto che nell’ultimo periodo tali elettrodomestici hanno conosciuto un’evoluzione e un’innovazione tali da essere considerati adatti anche alle pulizie più “massicce” estese a tutta la casa. La potenza elevata e i numerosi accessori con i quali sono venduti rendono le scope elettriche molto più di un semplice strumento complementare all’aspirapolvere standard. A parità di performance, le scope elettriche risultano peraltro più comode di un’aspirapolvere, soprattutto per merito delle dimensioni ridotte, che permettono di stiparle in spazi più ristretti e garantiscono una maneggiabilità migliore. Esistono modelli diversi di scopa elettrica, ciascuno più o meno adatto a determinate esigenze. Quali sono le variabili da tenere in considerazione al momento della scelta. Innanzitutto bisogna fare i conti con la superficie della casa: le stanze da pulire sono molte? Gli ambienti sono ampi e spaziosi, o al contrario ristretti e piccoli? Quanto spesso si è soliti pulire la casa? Quanto un modello – con tutta la gamma di accessori e funzionalità incluse – si adatterà ai vostri bisogni?

Il modello Forzaspira SE110 di Polti è ad esempio l’ideale per fronteggiare pulizie veloci: si tratta di una scopa elettrica senza sacchetto, dotata di un contenitore da 1,3 litri; potente 1400 watt, è molto maneggevole e può contare su cinque livelli di filtrazione, con filtro contro pollini e acari lavabile sotto l’acqua corrente.

Scope elettriche acquisto


Scope elettriche vantaggi

Scope elettriche vantaggi Alcuni dei vantaggi più elementari delle scope elettriche rispetto alle normali aspirapolvere sono già stati fugacemente toccati nel paragrafo precedente. Partiamo dalla struttura: le scope elettriche sono più piccole e leggere di un’aspirapolvere, e per questo più maneggevoli e comode da usare. In linea generale, una scopa elettrica ha un peso che oscilla fra i 2 e i 4 chili e permette dunque di essere manovrata in maniera molto agile anche per lungo tempo senza però affaticare troppo le braccia. In più, alcuni modelli possono godere di un manico pieghevole, utile per risparmiare spazio nel momento in cui si ripone l’elettrodomestico. Infatti, la versatilità e la facilità di utilizzo al momento delle pulizie della scopa elettrica si trasforma, una volta spento l’interruttore e staccata la spina, nella possibilità di riporla nel vostro ripostiglio o nella stanza di servizio con un ingombro di spazio minimo. Una scopa elettrica appoggiata alle pareti occupa una superficie molto ridotta. In più, alcune versioni si possono anche appendere a ganci, per un utilizzo degli spazi davvero impareggiabile.

Il rovescio della medaglia è che le dimensioni ridotte comportano quasi sempre una potenza di aspirazione più limitata e una dimensione dei serbatoi inferiore rispetto alle aspirapolvere standard. In fase di acquisto sinceratevi di queste due variabili fondamentali: che i meccanismi di utilizzo siano comodi da maneggiare (un meccanismo scomodo azzera gran parte del vantaggio di una scopa elettrica) e che la potenza di aspirazione – seppur minore di quella di un’aspirapolvere – sia comunque sufficiente per il tipo di pulizie che avete in mente. Praticità e potenza sono dunque i due termini chiave nella scelta di questo elettrodomestico. All’interno della sua gamma di scope elettriche Bosch propone la scopa ricaricabile senza filo Athlet BCH6ATH25, con spazzola motorizzata e batteria al litio in grado di consentire un utilizzo massimo di 60 minuti; il contenitore ha capienza di 0,9 litri e permette prestazioni pari a quelle di un aspirapolvere da 2400 watt; maneggevole e leggera, è dotata di un sensore che segnala quando è necessario pulire l’interno dell’elettrodomestico.


Scope elettriche senza fili

Scope elettriche senza fili Se siete abituati a fare regolarmente le pulizie di casa saprete sicuramente molto bene quanto sia fastidioso doversi ogni volta fermare, staccare la spina, riattaccarla nella presa più vicina e solo allora riprendere ad aspirare polvere e detriti dal pavimento. Questo accade nel passaggio fra una stanza e l’altra, o addirittura nella medesima stanza nel caso di superfici molto ampie o con arredamento particolarmente fitto che vi costringa a muovervi a zig-zag facendo compiere al vostro filo della corrente il triplo della strada.

Per fortuna non tutte le scope elettriche hanno il filo. I modelli più recenti introdotti sul mercato funzionano a batteria. Una volta caricata al massimo, questa permette di utilizzare l’elettrodomestico in autonomia per un periodo di tempo sufficiente a svolgere da cima e fondo le vostre pulizie. Un upgrade non da poco in fatto di funzionalità e praticità di utilizzo. Basta interruzioni e basta soprattutto a fili che si incastrano, si ingarbugliano e che si staccano dalla presa elettrica quando vengono tirati troppo.

Ovviamente, l’autonomia di questi prodotti non è infinita: la media è di circa 20 minuti, ma abbiamo visto già nel paragrafo precedente che esistono prodotti capaci di arrivare fino a un’ora (un tempo più che sufficiente a ripulire i pavimenti di casa da cima a fondo). Nel caso si decida di optare per scope elettriche con il filo è bene sincerarsi della lunghezza: più è lungo, più sarà superiore la libertà di manovra all’interno della casa. Nella categoria delle scope elettriche “wireless” rientra Colombina Cordless XLR24Li di De Longhi: si tratta di una scopa senza cavo elettrico, ideale per trattare ogni tipo di superficie (pavimenti, tappeti, parquet…) grazie alle sottili strisce in microfibra; in più, riesce a raggiungere anche gli angoli più difficili per merito della speciale spazzola snodata, facilmente manovrabile.


Scope elettriche sacchetti raccoglitore

Scope elettriche sacchetti raccoglitore Oltre a quelle con filo e senza filo, le scope elettriche si possono dividere in altre due altre grandi macro-categorie a seconda di come raccolgono la polvere: ci sono quelle con i sacchetti usa e getta e quelle con il raccoglitore. I sacchetti sono solitamente di carta o di tessuto, e come è facile immaginare vanno sostituiti una volta che sono stati riempiti. Esistono diverse tipologie di sacchetti, e non tutte sono compatibili con qualsiasi modello di scopa elettrica: occorre perciò prestare attenzione al momento dell’acquisto e sincerarsi che vadano bene per l’elettrodomestico che avete a casa. I modelli di scopa elettrica più vecchi sono più soggetti a problemi di “incompatibilità”, perché può capitare che i sacchetti che vanno bene per loro siano finiti fuori produzione con gli anni. Si tratta di un problema non da poco, che rischia di compromettere totalmente l’utilizzo dell’elettrodomestico. Per questo motivo conviene puntare su prodotti che siano compatibili con più tipi di sacchetti, onde ridurre al minimo le possibilità di incappare in questo tipo di inconveniente.

Un’alternativa sempre valida ai sacchetti è il contenitore interno, per il quale non ci sono problemi di modelli, marche o compatibilità. Una volta svuotato, il contenitore va pulito con l’acqua e asciugato, dopodiché è subito pronto per essere riutilizzato. Questa seconda tipologia di modelli è più economica (non dovrete comprare continuamente i sacchetti e questo certo aiuterà ad abbattere i costi), ma allo stesso tempo vi costringerà a venire in contatto più da vicino con polvere e impurità, non il massimo della vita per chi soffre di allergie. In questo caso, è decisamente meglio optare per quei prodotti dotati di un raccoglitore grande (sui due litri) che vi permetta di non dover ripetere troppo spesso l’operazione di pulizia e lavaggio. Per non sbagliare, esistono comunque anche scope elettriche “ibride”, che funzionano sia con contenitore che con sacchetti ricaricabili.

La scopa elettrica Evo2in1 di Ariete svolge una duplice funzione: può pulire sia tappeti e pavimenti che fessure e punti difficili da raggiungere: questo è possibile grazie all’aspirabriciole incorporato nella struttura. Il serbatoio è estraibile e lavabile; la potenza del motore è di 600 watt, con classe energetica B.


Scope elettriche ecologiche

Scope elettriche ecologiche Negli ultimi anni l’attenzione di molti produttori si è spostata su tematiche vicine all’ecologia e al risparmio energetico. Le scope elettriche non fanno eccezione e anche per quanto riguarda la loro produzione si è riscontrato un aumento di modelli con un occhio di riguardo alla questione “green”. Innanzitutto è bene far presente come da settembre 2015 sia entrata in vigore una normativa che prevede che gli apparecchi non possano essere prodotti con una potenza superiore a 1600 watt, limite sceso a 900 watt nel settembre 2017: la finalità di questa misura è quella di regolamentare le prestazioni energetiche e limitare gli sprechi.

I modelli più recenti di scope elettriche sono particolarmente rispettosi dell’ambiente e possono definirsi senza timore di smentite profondamente ecologici. La resa della pulizia rimane massima, pur con minore utilizzo di energia. Il risparmio è notevole e può arrivare fino al 50% in più rispetto agli apparecchi tradizionali. Prestazioni che prima si potevano raggiungere solo con una potenza intorno ai 1800 warr, ora sono possibili usufruendo di un consumo di 900 watt, esattamente la metà.

A proposito di tecnologia e risparmio energetico, la scopa elettrica ricaricabile SVFV3250LR ORA Technology di Black & Decker ha un sistema di ricarica intelligente Eco Mode che riconosce quando il prodotto è pienamente carico e passa automaticamente alla modalità ecologica, con un risparmio energetico che può arrivare fino al 70%. Il contenitore da 0,45 litri è rimovibile e la scopa può trasformarsi anche in un pratico aspirabriciole. I comandi sull’impugnatura favoriscono inoltre la massima praticità.


Scope elettriche a vapore

Scope elettriche a vapore Concettualmente, scopa elettrica e scopa a vapore sono due prodotti completamente diversi. Infatti la prima serve per aspirare semplicemente la polvere dai pavimenti, mentre la seconda lavora emettendo un forte getto di calore che va ad igienizzare la superficie di pavimenti, piastrelle e vetri. Questo significa che, per effettuare le operazioni di pulizia al meglio, le funzionalità dei due prodotti andrebbero combinate, prima con un passaggio sul pavimento della scopa elettrica e poi con quello di quella a vapore. Per fortuna esistono modelli che combinano in un’unica scopa elettrica entrambe le tipologie di funzionamento, permettendovi così di usufruire di una pulizia completa e soddisfacente grazie a un solo elettrodomestico (un consiglio: il serbatoio dovrà essere da almeno 300 millilitri per non doverlo rabboccare in continuazione; anche la potenza dovrà essere adeguata all’emissione di un vapore efficace). Un esempio di modello polifunzionale è quello della scopa elettrica a vapore Steam&Vacuum di Hoover, che permette una pulizia profonda delle superfici della propria casa combinando la potenza aspirante della scopa elettrica ai vantaggi igienizzanti del vapore; il prodotto è dotato di due serbatoi separati e microfiltro antibatterico.


Scope elettriche, innovazione e comodità nella pulizia della casa: Scope elettriche accessori

Scope elettriche accessori Potenza di aspirazione e maneggiabilità non sono le uniche caratteristiche su cui concentrare la propria attenzione al momento dell’acquisto delle scope elettriche. Esse sono infatti solitamente vendute e corredate con una lista di prodotti aggiuntivi, accessori che hanno lo scopo precipuo di migliorarne le caratteristiche e massimizzarne la funzionalità. Le dotazioni non sono sempre uguali, anzi: dipende dalla tipologia di scopa e dall’azienda produttrice. Tutti gli accessori in più, ovviamente, hanno un impatto sul prezzo. Tra i più utili si segnalano ovviamente tubi telescopici o flessibili, per raggiungere gli spazi stretti fra i mobili o fra mobili e muro; diverse tipologie di spazzole (specifiche per tappeti o parquet, come capita con quelle delle aspirapolvere) in modo da perfezionare le possibilità di aspirazione su tutti i tipi di superficie. Esistono poi vere e proprie scope elettriche due in uno (ne abbiamo già accennato in precedenza) che contengono al loro interno comodi e pratici aspirabriciole utilizzabili per le operazioni di pulizia su superfici più particolari (come divani o tavoli) sulle quali non sarebbe igienico passare direttamente la scopa elettrica.

Ultraenergica ZS345 di Electrolux si presenta con un kit completo di accessori, comprensivo di spazzola multi-superficie per pavimenti duri e tappeti, turbospazzola, mini turbospazzole e spazzola parquet, così da rendere possibile una pulizia precisa e puntuale in ogni angolo della casa e ogni tipologia di superficie.