Una guida completa ai materiali usati per il piano del lavabo

Un piano lavabo in muratura? Ecco perché sceglierlo

Considerate il piano lavabo in muratura banale e superato? Sbagliato! Questo materiale, ancora poco conosciuto nell’ambito dell’interior design, è tornato ad essere di grande tendenza nell’arredo. Altamente duttile e modellabile, si adatta ad ogni ambiente, permettendo di realizzare così strutture che si integrano alla perfezione in qualsiasi bagno. Ricordate che il disegno e la costruzione sono sempre su misura. Moderno, essenziale, ma non releghiamolo alla sobrietà del minimal o allo scarno stile industriale! Con il cemento si possono ricreare forme rigorose e geometriche, ma anche curve sinuose per dar forma a piani unici e originali. Trattato a ceratura, che ne assicura l’impermeabilità e la resistenza, crea un effetto grezzo e lucido davvero contemporaneo. Un esempio è il piano lavabo in Prefinito Cemento® di Moab80. Lineare, funzionale e di grande impatto. Inoltre le soluzioni di nuova generazione, sono anti erosione, non si alterano nel colore e hanno proprietà isolanti da sporco e odori. Se piastrellato in ceramica come pavimento o pareti, in continuità cromatica e materica delle superfici, si mimetizza e scompare nell’insieme per una maggiore sensazione di ordine e di ampiezza, ed un’estrema facilità di pulizia. O ancora rifinito con disegni a mosaico: una vera opera d’arte. Il piano in cemento ha un altro indiscutibile pregio: consente di sfruttare ogni centimetro disponibile, rappresentando un’ottima soluzione anche nei bagni di dimensioni ridotte. Incastonato nella nicchia tra due pareti e chiuso con un’anta sino a terra, si trasforma in un pratico mobile per contenere detersivi, biancheria o tutto il necessario per la toelette quotidiana. Immaginate quanto spazio in più disponibile! Anche il cartongesso o la malta, in versione eco compatibile, si prestano allo scopo. Pratico, di rapida installazione e a budget contenuto. Attenzione! Idee ben chiare sin dalla progettazione. Perché una volta costruito non è facile spostarlo!

piano lavabo in muratura


Materiali naturali al 100%: scopriamo insieme quali sono

piano lavabo pietra altamarea Chi ha come priorità il rispetto dell’ambiente, privilegia certo materiali il più possibile naturali e riciclabili, anche nella stanza bagno. Quindi vetro, quarzo, marmo, legno, pietre naturali e perché no, il ferro. Certo, occorre anche considerare l’impatto economico che la scelta dell’uno e dell’altro comporta. Nessun problema: esistono soluzioni ad hoc per ogni esigenza. E ognuna ha le sue caratteristiche distintive. Vetro e cristallo, ad esempio, necessariamente temprati e antigraffio, sono molto evocativi grazie alla leggerezza, alla luminosità e alla trasparenza declinata nella versione acidata o nelle delicate sfumature di colore. Unica pecca: impegnativi nella cura, poiché temono gocce di acqua e patina di calcare. Marmo e quarzo sono sinonimo di robustezza e solidità, anche visivamente. E d'intramontabile fascino. Bianco, rosa, grigio, nero: venature irripetibili che rendono ogni piano davvero unico. Non a caso è un materiale impiegato nei bagni di grande pregio. Chi non lo vorrebbe nel proprio bagno? Moderno o classico: sofisticata eleganza. Un suggerimento: attenzione alle macchie, essendo la struttura porosa, una volta assorbite, difficilmente possono essere rimosse. Ultima, ma solo in elenco, è la pietra naturale, come la graniglia o l’ardesia, per un total black davvero scenografico.

In foto il piano con lavabo idoppio in pietra 360Gradi/Loft di Altamarea Bath

  • scavolini aquo Arredare il bango significa puntare sulle forme, sui materiali e sulle tendenze che possano valorizzare il contesto abitativo, ma soprattutto stimolare emozioni in chi lo vive. I mobili che arredano l...
  • Proposta Cerasa C’era una volta il bagno. Molto tempo dopo è nato il concetto di wellness e niente è stato più come prima. L’idea di prendersi cura del corpo in funzione di un benessere rigenerante ha interessato dap...
  • Vasca da bagno ovale rapsel Ricerca, innovazione e audacia – queste sono le tre forze motrici che hanno caratterizzato Rapsel sin dalla sua nascita nel 1975, e che l’hanno contraddistinta come ditta “trend setter” nel mercato de...
  • lavabo da bagno kerasan aqua libre Kerasan, impegnata nel rinnovo delle linee produttive e dell’intera gamma delle linee di sanitari, presenta Agua Libre, un progetto modulare per il bagno. Libera interpretazione dell’ambiente bagn...


Dubbi sul piano lavabo in legno? Qui trovi le risposte che fanno per te

piano lavabo in legno Un discorso a parte è d’obbligo per il legno. Le sue infinite sfaccettature e la versatilità che lo contraddistingue ne fanno il materiale prediletto del piano lavabo. Anche e soprattutto per l’idea di calore e accoglienza che è in grado di trasmettere. Chi non ha sperimentato questa sensazione entrando in un bagno così? Soddisfa ogni esigenza dal punto di vista cromatico, permettendo di spaziare trasversalmente tra tutti gli stili, dal vintage al rustico, dal moderno al classico. Diversi inoltre sono le tipologie disponibili. Multistrato marino, rovere, noce, pino, olmo, frassino sono le essenze più diffuse, ciascuna con le sue caratteristiche estetiche e tecnico-fisiche, ma tutte con un denominatore comune: la resistenza. Si possono trovare piani interamente in laminato, alla portata di tutte le tasche, disegnati e prodotti da grandi marchi del settore. Come il modello Progetto di Inda, con finitura in laminato di alto pregio. Le strutture realizzate in massello sono decisamente più costose. Il legno deve subire un processo di lavorazione che lo metta al riparo da eventuali rigonfiamenti causati dall’umidità, dall’acqua e dal vapore, preservandone inalterata l’integrità nel tempo. Il legno può essere poi oliato, verniciato, laccato lucido o opaco, in qualsiasi tinta ci venga in mente, seguendo i dettami della moda o assecondando i gusti personali: caffè, tabacco, bianco, cenere, grigio, o verde, rosso, celeste,… L’ultima tendenza è l’effetto grezzo, una finitura che esalta l’anima del legno, portando alla luce fiamme, nodi e venature. Col tempo, inoltre, la colorazione di modifica e il piano acquisisce un piacevole aspetto vissuto. Molto raffinato deve ovviamente armonizzarsi ai complementi d’arredo per creare un equilibrio di forme e stili. Qualsiasi legno si scelga, ricordiamo che si tratta di materiale “vivo” e poroso. Occhio, quindi, ai detergenti aggressivi, che possono farlo scolorire, compresi insospettabili profumi, shampoo e bagno schiuma in grado di lasciare anti estetici aloni, per non parlare dei prodotti leva smalto e di oggetti appuntiti che possono scalfire e danneggiare irrimediabilmente la superficie.


Una guida completa ai materiali usati per il piano del lavabo: Come scegliere in un minuto il materiale perfetto per il tuo piano lavabo

Come scegliere in un minuto il materiale perfetto per il tuo piano lavabo Resina, Corian, Okite, Solid Surface®. Tecnoril® sono alcuni esempi di materiali compositi utilizzati per la fabbricazione di piani lavabo. Per chi non ne avesse mai sentito parlare, si tratta di agglomerati di diversi elementi fusi in lastre malleabili e duttili. Le superfici create con questi prodotti sono totalmente lisce e impermeabili. Un esempio fra tutti. Block, realizzato da Planit in Corian termoformato, morbido e caldo al tatto: un’apparente semplicità per un risultato di altissimo design. Essendo facilmente plasmabili, con questi compositi è possibile creare ogni tipo di forma, dalla più lineare alla più sinuosa, senza alcuna fuga, fenditura o soluzione di continuità. Sia sul piano verticale che orizzontale. Qual è, in sintesi, il grande vantaggio? Chi ha pensato alla pulizia e all’igiene ha indovinato! Di facile manutenzione, non sono porosi e non temono acqua e calore. Dimentichiamoci anche di muffe e germi, poiché sono dotati di proprietà antisettiche e protezione antibatterica che li rendono perfetti per questo tipo di ambiente, in un connubio tra praticità ed estetica portato ai massimi livelli. In particolare il Tecnoril®, costituito da una miscela di polveri inerti, alluminio tri-idrato e resine acrilica, che nella sua forma originale si presenta come un fluido, consente di essere stampato a piacimento. L’ideale per soluzioni integrate tra lavabi e particolarmente adatto per gli ambienti bagno. Questi materiali, inoltre, sono facilmente riparabili. Semplice carta vetrata a grana sottile è sufficiente per eliminare graffi e scalfiture, facendo ritornare il piano come nuovo. Anche a prova di bambino!