Cosa bisogna sapere sui top cucina in gres

La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 22 agosto 2019

Perché scegliere un top cucina in gres porcellanato

Il gres porcellanato è un materiale ceramico molto resistente e versatile che vanta numerose applicazioni. Oltre ai pavimenti e ai rivestimenti è utilizzato anche per realizzare i top della cucina che presentano così diversi vantaggi.
Tra questi:

  • compattezza;
  • anti-assorbenza;
  • ottima resistenza alle macchie;
  • elevata resistenza a urti e graffi;
  • inalterabilità al calore (più di 210 gradi);
  • elevata resistenza alla corrosione degli acidi;
  • facilità di pulizia.
Nella foto, il top cucina in gres porcellanato Res Art di Ceramica Fondovalle. Questo prodotto, a effetto resina, è estremamente versatile e utilizzabile per un “total look” che, oltre al piano di lavoro della cucina, può comprendere arredi, pavimenti e rivestimenti in coordinato.

Come si posano le lastre di gres sul top cucina

Per i top delle cucine si utilizzano solitamente lastre in gres porcellanato di maxi formato (100 x 300 cm e oltre) e di spessore sottilissimo (3-3,5 mm), che prima della posa possono essere facilmente tagliate, sagomate e forate.
Le lastre in gres vengono applicate, tramite speciali adesivi, a un supporto solido e pulito che può essere in marmo resina, in polistirene ad alta densità, in schiuma di polistirene estruso o in agglomerati di vario tipo. Una volta fissato, il top viene rifinito sui bordi e sugli spigoli per rendere invisibili i punti di giunzione.
Dalla collezione Marazzi Grande nasce The Top, una selezione di lastre Marazzi di grandi dimensioni in gres porcellanato, contraddistinte da superfici opache, satinate e lucide di estrema raffinatezza, appositamente pensate per la realizzazione di top, tavoli, ante e infinite opzioni di arredo su misura per spazi residenziali e commerciali.

Come si pulisce il piano cucina in gres

La pulizia del piano cucina in gres porcellanato è facilissima. A differenza del top piastrellato, ha un aspetto monolitico, non presenta fughe e quindi la sua manutenzione è piuttosto semplice.
Per eliminare macchie di sostanze grasse basta un comune sgrassatore e l’uso di una spugnetta mediamente abrasiva. E’ consigliabile rimuoverle a fresco, in modo da evitare incrostazioni. Come? Risciacquate accuratamente per evitare macchie di calcare che possono apparire in maniera evidente nei colori più scuri.
Cement è la linea di lastre in gres porcellanato effetto cemento di Florim Stone. Proposta in tre declinazioni cromatiche, questa collezione offre un piano di lavoro dalle alte performance tecniche, si pulisce facilmente, non si macchia e resiste alle più alte temperature.

Quanto costa il top cucina in gres?

Il gres porcellanato, realizzato attraverso un elaborato processo produttivo, conferisce al top cucina elevate caratteristiche prestazionali ed estetiche.
Il top cucina in gres viene realizzato su misura negli spessori disponibili: 20-30-40-60-80-120 mm. In commercio esiste un’ampia varietà di top in gres decorativi suddivisi in numerose collezioni. Il prezzo di un top in gres porcellanato dello spessore di 20 mm (2 cm) di profondità 60 mm con il bordo frontale retto è di circa 492 euro al metro lineare esclusi i costi di trasporto, consegna e montaggio e di eventuali lavorazioni particolari.
Level by Emilgroup propone Level Design, una collezione di lastre in gres porcellanato disponibili in diversi formati ideali per realizzare top per cucine, piani di lavoro, ante, soluzioni di rivestimento a pavimento e a parete.

Sfoglia i cataloghi: