Progettare bagno: tanti consigli utili per la ristrutturazione del bagno

La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 10 novembre 2015

progettare un bagno in assenza di progettista

Come facciamo a progettare in modalità fai da te il nostro bagno ancora “under construction”? Niente paura, in vostro aiuto pratici consigli per pensare in autonomia, prima che un professionista ci metta le mani, in modo da consegnare un progetto in piena regola, di come desideriamo che il nostro bagno sia, dopo la costruzione.   Prima di tutto, per progettare un bagno prendiamo carta e matita e disegniamo a mano libera, o se preferiamo con l’aiuto di una squadretta, la piantina del nostro spazio, nuda, solo non i muri e gli ingombri di porte e finestre.   Osserviamo bene la forma e valutiamone la dimensione: cosa ci sta? Pensiamo a cosa potremmo inserire al suo interno e cosa ci piacerebbe avere. Una vasca da bagno? Una doccia? Entrambe? Bene: valutiamo forma e dimensioni e con poche righe iniziamo a schizzare sul nostro foglio una bozza dei nostri arredi e dei sanitari. Ma.. dove li mettiamo?

Posizionare l'arredo bagno

Come disporre i mobili del bagno, spesso è già prestabilito dai tubi e dagli impianti: in questo caso, dovrete seguire le predisposizioni delle uscite dell’impianto idrico. Invece, se siamo ancora nella fase prima in cui possiamo decidere, valutiamo con attenzione e pensiamo a cosa desideriamo inserire all’interno: annotiamoci a lato del foglio i nostri pensieri dopo di che, passiamo alla rilevazione delle misure.   In base alla dimensione e alla forma della stanza, preferiremo un genere di mobile invece che un altro: se l’ambiente è tendenzialmente quadrato potremo permetterci di arredare su due lati opposti lo spazio, magari ponendo sul fondo un’ampia e confortevole vasca da bagno. Se invece lo spazio è piuttosto allungato, preferiamo l’arredo su un unico lato, magari alternato a spazi vuoti.   Ricordiamoci comunque che per progettare un bagno è bene non chiudere lo spazio in entrata addossandolo di arredi, perché ne ricaveremo solamente una sensazione di oppressione, mentre lasciando libero e ampio l’accesso, potremo addossare al fondo tutto ciò che desideriamo in modo da poterlo ben visualizzare una volta effettuato l’ingresso nella stanza.    

Regole da non sottovalutare

Per progettare un bagno ci sono alcune regole che non dobbiamo sottovalutare, come gli spazi: questi, infatti, sono generalmente prestabiliti dalle dimensioni degli arredi, e quindi, imprescindibili da essi. Ad esempio, lo spazio tra i due sanitari, oppure i sanitari ed il muro deve essere di almeno 25 cm per un’agevole movimento.  I muretti: molto gradevoli e utilissimi, spesso possono suddividere lo spazio dedicato ai sanitari dal resto della stanza. Ricordatevi che l’altezza degli stessi può essere circa di un metro, oltre a questa chiuderebbe in modo oppressivo la stanza, senza lasciare respiro. Inoltre, non fate sbordare orizzontalmente il muretto di oltre 20 cm dall’ultimo sanitario, sarebbe spazio sprecato. Posizionamento specchio mobile lavabo: se possibile preferite una posizione sempre frontale a delle finestre, in modo tale da poter usufruire al massimo della luce naturale per l’utilizzo dello specchio.   In foto: Makro, sistema bagno integrato  Nordic

Sfoglia i cataloghi: