Allarmi casa

Quando installare un allarme

Prima di andare in vacanza è bene pensare a come proteggere la propria casa, se non si vuole rischiare di trovarla svuotata al ritorno, in particolare se si tratta di un edificio isolato o a piano terra, quindi più soggetto a questo rischio.

Vale dunque la pena pensare ai cosiddetti sistemi di protezione attiva – gli allarmi casa - ossia i idspositivi elettronici capaci di rilevare un potenziale pericolo e, conseguentemente, di annullarlo. In genere bisogna fare attenzione se nella vostra abitazione sono presenti ponteggi esterni a causa di lavori di ristrutturazione: il ladro è molto facilitato nel salire ed entrare dalle finestre! Un sistema d’allarme con barriere infrarossi alla finestra scoraggerebbe i malviventi, ma se non avete l’antifurto, meglio abbassare tutte le serrande, anche di giorno.

In caso di furto l’impresa edile è assicurata, ma riceverete il rimborso solo se il ladro è entrato con i ponteggi, non se li ha utilizzati solo per fuggire. Dagli studi di settore tuttavia emerge la scarsa propensione delle famiglie a investire in sicurezza, nonostante un recente rapporto Censis posizioni microcriminalità e criminalità organizzata in cima alle paure degli italiani.

allarme casa

iSmart Alarm Sistema di Sicurezza Domestico, Wireless, Modulabile con App per iOS ed Android, Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 143,04€
(Risparmi 56,91€)


Tipi di allarme casa

allarmi casa Gli allarmi casa più diffusi sono senza dubbio quelli antintrusione, volumetrici e ottici, ma quello che sta prendendo piede ultimamente è l'antifurto gsm. Possedere un antifurto funzionante e non sapere quando si è fuori quando scatta l'allarme, dovendosi affidare continuamente ai vicini, è piuttosto frustrante. Tutti gli allarmi antifurto hanno lo scopo di segnalare un'intrusione all'interno dell'abitazione e non di impedirla. Dotare il proprio allarme domestico o aziendale di un combinatore telefonico può essere la giusta trovata per portare il vostro antifurto sempre con voi. Molto diffusi sono i rilevatori di movimento che fanno parte del settore dei sensori per la sicurezza. I rilevatori di movimento utilizzano vari segnali radio con onde ad alta frequenza.

Grazie a questi è possibile sapere se qualcuno o qualcosa ha varcato le soglie di casa mandando un avviso sonoro per comunicarlo. I rilevatori a luce infrarossa, in particolare vengono usati per rilevare cambiamenti di temperatura; quando una persona si muove all'interno dell'area sorvegliata dai sensori, il calore dell'individuo attiva i sensori. I sensori ad infrarossi sono però i meno diffusi tra i rilevatori di movimento. Invece I sensori fotoelettrici sono rilevatori di movimento dotati di laser e sensori fotoelettrici. Il raggio laser è puntato sul lato opposto della porta o della stanza, quando il raggio viene interrotto scatta l'allarme per intrusione. Infine i sensori a ultrasuoni utilizzano una frequenza di circa 30 kHz. Questi funzionano come un radar che trasmette i rimbalzi sonori dai mobili e dalle pareti della stanza. Quando l'allarme è inserito se la mappatura dei rimbalzi subisce variazioni vuol dire che qualcuno è entrato nello spazio protetto.

  • grate CRM Serramenti Le inferriate per finestre sono tra i sistemi antieffrazione più efficienti e molto spesso, oltre a essere sicure sono anche di bell aspetto. Le grate sono composte da sbarre di metallo tubolari, vert...
  • Essenza GSG La porta finestra, soprattutto se scorrevole, dà quella sensazione di libertà, di non chiusura permanente e di ariosità essenziale in un ambiente. Con le tende giuste, oltrettutto, consente alla luce ...
  • Casa sicura Con l’avvento della bella stagione e della partenza per le agognate ferie, ci si chiede spesso se la propria dimora sia a prova di ladro: la nostra è davvero una casa sicura? In effetti è proprio in ...
  • Alias porte blindate Alias: porte blindate che assicurano resistenza, solidità, durata nel tempo. Sono queste le caratteristiche fondamentali di prodotti progettati per rendere le case inviolabili, tutelando la sicurezza ...

Eminent EM8610 Starter kit per sistema di allarme wireless su cellulari, controllato da smartphone, Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 169,9€


A chi rivolgersi

antifurto Atlantis Tutti gli impianti d’allarme si compongono di tre elementi principali: la centralina, completa di accumulatore e batteria che ne consentono il funzionamento anche in assenza di energia elettrica; i rivelatori; i dispositivi d’allarme, che possono essere locali, come le sirene, o remoti, combinatori. Il luogo ideale dove installare la centralina dovrebbe essere equidistante da tutti i sensori, al centro. E’ meglio non ubicarla a ridosso delle finestre, sarebbe facilmente accessibile da eventuali intrusori. Gli installatori specializzati, ai quali è sempre meglio rivolgersi anziché ricorrere a soluzioni “fai-da-te” preferiscono collocarla vicino alla porta di ingresso, facilmente attivabile e disattivabile quando entriamo ed usciamo di casa.

La centralina deve essere collegata alla corrente di casa, quando questa manca (in caso di blackout accidentale o voluto) si alimenta con l’ accumulatore presente.

Gli specialisti potrebbero consigliarvi d’installare i sensori senza fili anti intrusione e antisfondamento e volumetrici: il sensore più famoso è quello volumetrico, serve per controllare le zone interne della casa, ma viene installato anche esternamente. Si attiva alla presenza di un corpo che si muove nell’ ambiente e non semplicemente alla sua presenza. Bisogno tuttavia prestare attenzione a dove vengono installati: devono coprire tutta l’area da controllare.

In foto, impianto antifurto senza fili Atlantis


Allarmi casa: Altri sistemi antieffrazione

finestra FTP-V P2 Secure FAKRO Oltre agli allarmi casa, è importante dotare la residenza di sistemi di protezione passiva, quindi installare una porta d'ingresso blindata e anche delle finestre antieffrazione.

Le finestre blindate devono assicurare la protezione contro i più “fantasiosi” tentativi di effrazione, quali: calci e salti sulla finestra; forzatura con attrezzi da scasso o piede di porco; rimozione del vetro e rottura dello stesso. Oltre a garantire la tutela contro gli scassinatori, le finestre blindate hanno un look gradevole, spesso di design: le notevoli performance tecnologiche antieffrazione si affiancano a qualità estetiche oggi indispensabili. Le finestre blindate in legno sono spesso impregnate sottovuoto per resistere alle muffe più insistenti e rifinite con vernici acriliche.

Nella foto: caratterizzata da vetro laminato e antieffrazione classe P2A, la finestra FTP-V P2 Secure FAKRO è un serramento ad elevata resistenza anti-scasso