Antonio Lupi, il senso primitivo delle cose

Antonio Lupi lavabi

La storia di Antonio Lupi comincia nei primi anni Cinquanta; all’inizio l’azienda situata in provincia di Firenze realizzava specchi e accessori bagno in cristallo, col passare del tempo l’attività si è ampliata con altre lavorazioni fino a giungere all’attuale ciclo produttivo completo e tecnologicamente avanzato, che abbraccia tutto l’arredo bagno. La sede di Antonio Lupi, che per l’esattezza si trova a Stabbia-Cerreto Guidi, oggi possiede un'unità produttiva di 8000 mq e 1100 mq tra uffici e il nuovo showroom. Inoltre si avvale di una sala di posa interna di circa 400 mq per poter seguire e curare nei minimi dettagli l'immagine e la comunicazione aziendale. Con circa 80 addetti, è presente in 52 Paesi con showroom monomarca o tramite distributori. Il catalogo dei lavabi si rinnova di continuo e sempre riesce a catalizzare l’attenzione per l’eleganza progettuale, per l’essenzialità, per la qualità dei materiali. Ci sono interessanti soluzioni per ogni tipo di ambiente e per qualsiasi spazio, dal più ampio al più ridotto. La geometria la fa da padrona e diventa espressione di un design moderno che riesce a mettere tutti d’accordo. Anche nelle proposte più innovative, frutto di tecnologie all’avanguardia, si intravede il valore della tradizione. E appare chiara l’impronta del made in Italy. In foto il lavabo Gesto in Ceramilux, design Nevio Tellatin. Il bordo perimetrale è stato ridotto al minimo per dare spazio al bacino e il raccordo armonioso degli angoli interni rende facile la pulizia anche alle estremità.
Antonio Lupi lavabi


Antonio Lupi sanitari

Antonio Lupi sanitari L’azienda Antonio Lupi è oggi guidata dai fratelli Andrea, Sergio, Patrizia e Nello; tutti e quattro considerano prioritaria l’innovazione e ritengono che un modo fondamentale per essere sempre concorrenziali sia da ricercare in una continua attività. Una continua ricerca di idee, spunti, ispirazioni. I sanitari Antonio Lupi rappresentano la prova tangibile di questo modus operandi, tutti sono caratterizzati da una grande qualità materica e da una pulizia formale che diventa sempre ambasciatrice di raffinatezza. In foto i sanitari Komodo firmati da AL Studio. In ceramica lucida o satinata, interpretano ancora una volta con successo le linee e le forme essenziali che contraddistinguono tutto lo stile Antonio Lupi. Vaso e bidet sono proposti nella versione sospesa, particolarmente apprezzata per la praticità e la leggerezza, e si qualificano per le misure contenute e compatte ma esteticamente lineari ed eleganti. Il vaso sospeso Komodo è in ceramica con scarico a parete, completo di sedile avvolgente estraibile realizzato in resina termoindurente con cerniera frizionata "soft-close". Si abbina al bidet monoforo in ceramica sospeso con scarico a parete. Dettaglio design che enfatizza la purezza formale dell' elemento il sifone a scomparsa, completo di piletta con sistema di scarico a pressione clik-clak. La coppia di sanitari misura 54 cm di profondità e 36 cm di larghezza.

  • Camini Antonio Lupi Dalla collaborazione di Antonio Lupi con il designer Domenico de Palo ed il maestro fumista Massimo Pistolesi nasce Il canto del Fuoco, un progetto  di Camini Antonio Lupi dalle forme e...
  • antonio lupi abol In occasione di ISH di Francoforte Antonio Lupi ha presentato molti nuovi prodotti, che rappresentano un rinnovato impegno e ribadiscono la ricerca e il lavoro sostenuto in questi anni. Massima qu...
  • consigli bagno A lungo la sala da bagno è stato considerato un luogo riservato della casa e puramente di servizio. Fortunatamente le nuove tendenze in fatto di arredamenti e organizzazione degli spazi domestici ne s...
  • bagno novello canestro La collezione Canestro di bagno Novello prende il nome dalla particolare forma del lavabo che ricorda proprio quella di un canestro del gioco del basket. Si tratta di una linea facile, minimale e ...


Antonio Lupi design

Antonio Lupi design Se siete alla ricerca di un arredo bagno concepito all’insegna del design, Antonio Lupi è senza dubbio un ottimo punto di riferimento. Anzi, diciamo pure che da sempre l’azienda preferisce anticipare le tendenze anziché attenderle. Un obiettivo ambizioso che spesso viene raggiunto anche grazie a un ottimo lavoro di squadra. In il lavabo Ago85, design Mario Ferrarini, presentato in occasione di Maison&Object 2017. La forma è fluida e iconica, la sottigliezza del bordo esalta la naturalità dell’immagine finale, la continuità delle linee evidenzia un dna organico che ammorbidisce le geometrie assolute. Una nuova versione che esprime tutte le potenzialità del gesto, che valorizza al meglio il design elegante e armonico della collezione. Un’identità forte e allo stesso tempo naturale che trova nell’impiego del nuovo materiale un prezioso alleato per la lettura complessiva del progetto. Agoterra, realizzato in Flumood, è la sintesi armonica di volumi essenziali, è l’incontro virtuoso tra la geometria perfetta del bacino circolare dai bordi sottili e la base cilindrica che si restringe verso l’alto. Proprio la delicatezza con cui è risolto il raccordo tra base e bacino è il tratto essenziale della collezione e in particolare di questo lavabo freestanding.


Antonio Lupi, il senso primitivo delle cose: Antonio Lupi bagno

Antonio Lupi bagno Lavabi, vasi, bidet vasche e non solo: Antonio Lupi realizza anche proposte relative al termoarredo. Il bagno firmato Antonio Lupi è completo, sempre concepito secondo in base al connubio fra tradizione e innovazione. In foto il termoarredo Bit light, caratterizzato dallo spessore contenuto 7 cm che lo rende più leggero. Disponibile nella versione ad acqua e in quella elettrica. La parte elettrica è a secco, con una resa termica aumentata del 30 per cento, l’elettronica è integrata e gestibile con “fil pilote”. Bit light è disponibile in tre altezze 120, 150 e 180 cm, in finitura standard Brown goffrato o colorato goffrato come da cartella colori. La superficie di BIT è scandita dalla sequenza di fasce verticali generate da piccole variazioni dimensionali. Un ritmo scultoreo di “doghe” più o meno grandi che determina l’immagine complessiva di un radiatore monolitico realizzato al 100 per cento in alluminio riciclato.