Azzurra Ceramica, il bagno creativo e sartoriale

Azzurra Ceramica

La redazione di arredamento.it al Cersaie 2014 ha intervistato Lorenzo Rossini, Marketing & Communication Manager di Azzurra Ceramica, azienda giovane e orientata alla ricerca e all’innovazione. Rossini ci ha spiegato di aver affrontato la crisi con

coraggio e passione, intraprendenza e creatività.

Parola d’ordine: sperimentare! E infatti questo orientamento su quale ha molto insistito Rossini, è stato premiato proprio al Cersaie 2014: la linea Azzurra Art, basata sull’idea di dipingere i sanitari personalizzandoli, è stata premiata con l’ADI Ceramics Design Award, il premio nato dalla collaborazione fra ADI (Associazione per il Design Industriale) e Cersaie per valorizzare i prodotti più innovativi del comparto ceramico italiano fra quelli in esposizione alla Fiera. “In Azzurra ci piace creare oggetti che abbiano un’anima e che emanino vibrazioni positive”, sostiene Rossini. Una filosofia vincente!

Nella foto, la linea Azzurra Art

Azzurra Ceramica


Azzurra Ceramica sanitari

Azzurra Ceramica sanitari Da sempre scrupolosa nel raggiungere nuovi traguardi nella lavorazione della ceramica sanitaria, Azzurra Ceramica propone la serie di lavabi Elegance dallo spessore minimo di 3 mm. Lavorando sulla modellazione, Azzurra ha ottenuto un prodotto tecnologicamente evoluto, in linea con i nuovi trend del mercato e con le richieste dei consumatori, in cui leggerezza ed elegante fluidità convivono armonicamente.

L’impresa ha destinato grandi risorse ad investimenti in ricerca e sviluppo di soluzioni innovative all’avanguardia in grado di non stressare il materiale ceramico; questo grazie alla sua capacità progettuale e produttiva.

Le forme di Elegance (nella foto) si allineano alle tendenze attuali del mondo del bagno mantenendo però la grandi qualità della ceramica, che per Azzurra rappresenta ancora il cardine della produzione, piuttosto di utilizzare materiali alternativi con prestazioni qualitativamente inferiori alla ceramica. La serie di lavabi è composta da 6 pezzi facilmente inseribili nelle collezioni Azzurra più attuali e contemporanee.


  • Texture Olympia Ceramica Lo staff di Arredamento.it in occasione di Cersaie 2014 ha intervistato Francesco Borromei, Responsabile Commerciale di Olympia Ceramica. Dalla nostra intervista è emerso come il cliente si stia sempr...
  • Fap Ceramiche Nello scenografico allestimento, curato nei minimi dettagli dello stand al Cersaie 2014 di Fap Ceramiche, Andrea Bino Product Manager, ha accolto lo staff di arredamento.it per realizzare la video-int...
  • Arianna Oro Ceramica Bardelli La redazione di Arredamento.it al Cersaie 2014 ha intervistato Sabrina Giacchetti, Web & Advertising Manager di Ceramica Bardelli che ci ha spiegato come l’azienda non si limiti a investire in Ricerca...
  • Deco d'Antan Tagina Al Cersaie 2014 la redazione di Arredamento.it ha conversato con Andrea Marcotulli, Marketing Manager di Tagina, impresa in grado di coniugare le tecniche più moderne di produzione industriale con l’e...


Azzurra Ceramica, il bagno creativo e sartoriale: Azzurra Ceramica piatto doccia

Azzurra Ceramica piatto doccia I costanti investimenti in ricerca e sviluppo hanno consentito ad Azzurra Ceramica di raggiungere traguardi importanti come la progettazione di Uniko (nella foto, la versione rossa): il primo piatto doccia in ceramica con uno spessore di soli 3 cm e realizzabile su misura al centimetro.

Sono tre i brevetti depositati da Azzurra Ceramica relativamente a questo innovativo progetto e che lo rendono realmente “unico”: lo spessore di soli 3 cm in abbinamento al materiale ceramico; il sistema che permette di ottenere un piatto doccia su misura, realizzabile in qualsiasi dimensione e con taglio al centimetro fino ad un massimo di 200x100 cm; il brevetto ottenuto per la finitura corteccia certificata anche per la funzione antiscivolo.

La finitura “corteccia” infatti, a differenza di tutti gli altri sistemi antiscivolo, ha una garanzia illimitata perché ottenuta tramite una composizione chimica esclusiva e un processo di applicazione complesso che ne garantisce appunto una durata nel tempo senza rischio di deterioramento e che ha permesso di ottenere un brevetto di invenzione.