Lampadari a soffitto

Lampadari da soffitto

Non semplici lampadari a soffitto, ma veri e propri poli attrattivi dell’attenzione. Le lampade a sospensione, oltre ad assolvere le funzioni standard d’illuminazione, oggi sono molto più di un accessorio, ma importanti complementi d’arredo, la cui presenza è rilevante per definire e rendere unico lo stile di ogni ambiente della casa. Mini o maxi, contemporanei o legati alla tradizione, vintage o hi-tech, i lampadari da soffitto, anche alle ultime esposizioni settoriali, sono stati grandi protagonisti, proposti dai maggiori marchi in straordinarie varianti. Ai materiali della tradizione come il vetro soffiato si alternano elementi più avanguardistici come le materie plastiche, molto resistenti ma leggere.

Nell’immagine, lampadario da soffitto Cupolone di Cattelan Italia con paralume in metacrilato bianco, previsto anche nero o brillantinato argentato. Disponibile in due grandezze.

lampadari a soffitto


Lampadari soffitto

Lampadari soffitto Con i moderni lampadari a soffitto ci si può sbizzarrire in quanto a morfologie in grado di soddisfare davvero tutti i gusti: si passa dai modelli che si riallacciano ai decori barocchi delle lampade del XVII secolo a quelli più contemporanei, con linee sobrie e stilizzate. Certe sospensioni sono realmente scultoree e sono capaci di creare giochi di luce sul soffitto, mentre altre sono essenziali e leggere, simili a piume fluttuanti nell’aria. Altre ancora sono superfunzionali e ultramoderne, variopinte, sobrie, ma di grande effetto negli ambienti attuali.

Come quella in questa immagine: si tratta di Ciulifruli di Martinelli Luce, presentata alle ultime manifestazioni di settore, una lampada a sospensione disponibile in diverse grandezze con supporto in polietilene colorato e diffusore in polietilene neutro. Previsto nella versione da interni e da esterni.



Lampadari a soffitto: Lampade a sospensione

Lampade a sospensione All’innovazione delle lampade a sospensione si accompagna anche il potenziamento delle prestazioni aggiunte, con ulteriori componenti hi-tech: sensori specifici per l’accensione e la regolazione della fonte luminosa, timer che programmano lo spegnimento per non doversene rammentare in seguito. Svariati anche i nuovi materiali utilizzati per i lampadari a soffitto, che equivalgono a reinterpretazioni più attuali di materiali della tradizione, come per esempio i fogli plastici tagliati e sagomati che amplificano l’effetto luminoso delle plafoniere o materiali da altri settori produttivi, come i compositi antinquinamento per interni, i tessuti tecnici autoportanti, i metalli intelligenti. Insomma, i lampadari a soffitto sono sempre più performanti, ma quello che salta molto spesso all’occhio è l’estrema leggerezza.

Come quella della lampada Cabildo a sospensione di Artemide (nell’immagine), che presenta un corpo lampada in alluminio pressofuso verniciato. La luce indiretta modella il corpo della lampada, esaltandone la forma sinuosa e conferendone un sorprendente aspetto di anello luminoso. I cavetti di sospensione fungono anche da alimentazione.