Arredamento.it

Arredamento.it

Guida pratica alla scelta del mobile tv

Guida pratica alla scelta del mobile tv

- 22 giugno 2019

Come scegliere il mobile tv per il salotto

La tv è una presenza fissa in ogni casa, si sa. Anzi, nella maggior parte dei casi si conta più di un televisore in un solo appartamento: si consideri, per esempio, che molti lo considerano indispensabile anche in camera da letto. Noi però vogliamo qui concentrarci sul salotto. Come e dove sistemare la tv? Un quesito inevitabile. Ed ecco che in aiuto arriva il mobile tv.

Un arredo che non soltanto è utile e funzionale, ma assume un ruolo importante pure nella definizione stilistica dell’ambiente. L’offerta sul mercato è ricchissima, vediamo come orientarsi e individuare il modello giusto. Innanzi tutto, bisogna prendere con precisione le misure dello spazio disponibile, sia in senso orizzontale che in senso verticale. L’altezza deve essere sfruttata al meglio e al massimo, soprattutto se il salotto non è particolarmente ampio.

Ricordate anche che il mobile tv non va posizionato troppo vicino all’utente: la distanza deve essere come minimo pari a 1,5 metri. Se il vostro salotto è proprio piccolo, considerate l’idea di scegliere un mobile tv angolare oppure un mobile tv con ante scorrevoli.

Se invece il living è ampio, consigliamo di puntare su un mobile caratterizzato da una grande capacità contenitiva e da un’alternanza di vani a giorno e vani chiusi: è una soluzione perfetta, questa, per non appesantire la stanza. Fatevi condizionare dallo stile degli altri arredi nella misura giusta; un lieve contrasto è concesso, una differenziazione netta è sconsigliata.

In foto il mobile tv componibile Slim up di Dall’Agnese: le basi, in appoggio o sospese, hanno differenti misure per adattarsi a qualsiasi spazio.

Cerchi un mobile tv progettato secondo il design moderno?

La diffusione, fra le pareti domestiche, dei televisori di grandi dimensioni ha condotto alla trasformazione dei mobili tv. Se prima avevano infatti principalmente una funzione di sostegno, adesso sono anche mobili contenitori e hanno superfici molto più estese. Non solo. Proprio in virtù delle loro dimensioni e del loro mutato ruolo, in molti casi sono arredi di design a tutti gli effetti.

E il design moderno, quando si tratta di mobili porta tv, va in due direzioni opposte: da un lato troviamo le proposte progettate all’insegna dell’essenzialità, della leggerezza formale, del minimalismo; dall’altro abbiamo invece mobili concepiti per esaltare la loro stessa matericità, per essere notati, per catturare l’attenzione.

Molto spesso, inoltre, i creativi si ispirano alla tradizionale madia e concretizzano quindi un armonioso incontro fra passato e presente. L’estetica assume un ruolo di primo piano, ma di certo la praticità non ne risente. Anzi, i mobili tv moderni possono contenere (e nascondere, anche) numerosi oggetti di uso quotidiano e accessori. In foto il mobile Booster proposto da Tonino Lamborghini, in legno laccato bianco con parti rivestite in pelle art tech white. Misure: cm 288x45x46h.

Quali vantaggi offre un mobile tv a parete

I televisori moderni, ultrapiatti, risultano sempre più leggeri e di conseguenza sta aumentando costantemente il consenso ottenuto dai mobili tv a parete. Cioè mobili tv sospesi, che sono privi di piedi d’appoggio e si appendono invece al muro tramite apposite staffe. I vantaggi offerti da questa scelta sono diversi.

Innanzi tutto, i mobili tv a parete consentono di ottimizzare lo spazio disponibile e hanno un ingombro inferiore rispetto a quelli da appoggio, una minore profondità e un’altezza contenuta. Ciò però non significa che siano poco pratici, anzi rappresentano una opzione perfetta per allestire l’angolo tv con tutti gli elementi necessari a portata di mano, per esempio il lettore dvd e la sound bar.

Inoltre (e ci riferiamo però ai migliori marchi) hanno tutti un’immagine accattivante, curata in ogni dettaglio. In foto Rack 3 di Fimar, porta tv apribile e orientabile. L’interno è strutturato con un ripiano e con barre porta Cd-Dvd. Il pannello frontale è disponibile in essenza o laccato.

Perché scegliere una parete attrezzata con mobile tv

Non solo i mobili tv a parete: anche le pareti attrezzate con mobili tv sono molto di tendenza. Partiamo dal presupposto che la parete attrezzata è una grande comodità, perché elimina il problema di dover trovare più arredi per il living, rischiando magari di fare gli abbinamenti sbagliati, e permette di sistemare piccoli e grandi oggetti senza difficoltà e con la certezza di un risultato più che soddisfacente dal punto di vista estetico.

Molte pareti attrezzate sono inoltre componibili, dunque personalizzabili, e progettate al fine di sfruttare il più possibile la verticalità. In un contesto simile, la tv si inserisce quasi doverosamente. Infatti la maggior parte delle pareti attrezzate prevede uno spazio dedicato proprio al piccolo schermo (che poi, di questi tempi, è “piccolo” per modo di dire).

Ciò comporta anche che i cavi elettrici e gli altri necessari ingombri trovino subito la giusta collocazione e spariscono, permettendo di sentirsi più sicuri e avere maggiori soddisfazioni a livello visivo: senza intralci, tutto è più bello. E si tenga presente che molte soluzioni prevedono la sospensione della tv tramite staffe, come spiegavamo nel paragrafo precedente. In foto la parete attrezzata modulare con porta tv Z033-Z034 di Zalf.

Sfoglia i cataloghi: