Soggiorno cucina openspace

La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 17 gennaio 2018

Spazi aperti e comunicanti

Spazi aperti, luminosi, ampi. Sono gli open space, in grado di risolvere problemi di spazio e di amplificare, a livello visivo, anche gli spazi più ridotti. Avere una zona living open space permette di godere della simbiosi tra due zone di vita, tra due spazi che, diversamente, apparirebbero ridotti, più piccoli, ognuno relegato alle proprie azioni e distinto nel suo essere. Disporre di un open space significa poter usufruire totalmente di due tipologie di ambiente, che permettano un'elegante ottimizzazione dello spazio nella sua completezza. Cucina e zona living, e ancora salotto e sala da pranzo, acquisiscono un grande valore, si ingrandiscono, aumentando le loro funzioni. Lo spazio living può diventare un’immenso soggiorno cucina openspace, o tramutarsi in una grande, luminosa sala da pranzo. In foto Flux Swing, il nuovo programma di Scavolini che nasce dalla collaborazione con Giugiaro Design, pensato sia per la cucina che per il living. La collezione Flux Swing fonde tecnologia, flessibilità e purezza stilistica. Un perfetto esempio di Made in Italy capace di equilibrare componenti, volumi, proporzioni e finiture per una proposta d’arredo esclusiva.

Gli arredi per lo spazio soggiorno cucina openspace

Come arredare un soggiorno cucina openspace? Non sempre gli arredi si adattano a prescindere, motivo per cui dovremo valutare con cura la soluzione migliore, anche nel caso di grandi superfici. Una proposta molto funzionale è rappresentata da una soluzione di arredo capace di completare lo spazio cucina trasformandosi in mobile da salotto. Questa tipologia di soluzione è caratterizzata da una bivalenza delle parti: l’arredo mantiene come filo conduttore lo stile e la tipologia di mobile, ma si modifica nella sua funzione. Lo spazio cucina si confermerà quindi adatto allo svolgimento delle azioni del preparare cibi, sarà caratterizzato da un piano di lavoro e da eccessori e contenitori, mentre nello spazio dedicato alla zona giorno il mobile tramuterà la sua forma in superficie per libri, televisione, sistemi audio video e oggettistica da giorno. In foto cucina Lube, modello Creativa.

Lo stile e le forme per arredare uno spazio openspace

Come scegliere la forma e lo stile di un soggiorno cucina openspace? Sicuramente la cosa fondamentale è valutare l'ambiente nella sua complessità, mirando ad un connubio tra funzionalità ed estetica, e facendo sì che i due spazi interpolati possano relazionarsi tra loro. E' fondamentale che la scelta sia basata sul gusto personale, senza compromessi, poiché uno spazio giorno è il luogo che, più di ogni altro, viviamo nella nostra quotidianità: la scelta dovrà quindi essere perfettamente allineata al nostro stile, ai nostri gusti e alle nostre esigenze. Se lo spazio è di grandi dimensioni possiamo optare per una soluzione sospesa, che ci garantisce un maggior senso di leggerezza, se invece, al contrario, disponiamo di spazi ridotti, sarà preferibile sfruttare lo spazio con soluzioni da appoggio a terra e a tutta altezza, in modo da avere più spazio a dispozione per riporre iìutensili e accessori. In foto Filoantis, cucina componibile con isola di Gruppo Euromobil.

Cucine open space

Sempre più diffuso nelle case moderne, un soggiorno open space ci offre la possibilità di unire cucina e zona living, creando un ambiente più ampio, accogliente e luminoso. I lavori di ristrutturazione offrono l’occasione perfetta per rinfrescare l'approccio con cui viviamo gli spazi, riorganizzandoli e rendendoli più moderni, funzionali e adatti alle nostre esigenze. In presenza di metrature limitate, con un locale cucina e un soggiorno molto piccoli, ad esempio, potremo valutare la possibilità di ricavare un unico spazio, eliminando il muro di separazione e progettando la nuova zona cottura sulla medesima parete che l'ospitava in precedenza: così facendo non saranno necessari nuovi interventi sugli impianti. È inoltre consigliabile delimitare le due diverse zone, attraverso pareti in vetro, banconi o isole che fungano da tavolo o piano di lavoro. In questo modo riusciremo a diversificare le differenti funzioni dei due spazi, senza la chiusura imposta dalle pareti in muratura. In foto un soggiorno cucina openspace arredato con cucina su misura di TM Italia. K6 è un sistema modulare di basi cucina, definito da un concept lineare e progettato per consentire un’estetica monolitica.

Arredamento open space

Un soggiorno cucina openspace è l'occasione ideale per personalizzare la propria casa, donandole un'eccentrica aria contemporanea. Attenzione però: la vista potrà vagare libera ovunque, motivo per cui l'arredo che sceglieremo per un open space dovrà essere particolarmente ricercato. Prima di tutto, occorrerà valutare come la luce naturale illumini l'ambiente, in modo da capire come disporre mobili e complementi. Ad esempio, la zona televisione non andrà progettata in prossimità di grandi finestre: il riflesso della luce ostacolerebbe infatti una piacevole visione. Una zona molto illuminata rappresenterà invece la posizione per un confortevole spazio relax, in cui posizionare una comoda poltrona e godersi la lettura di un buon libro. E’ inoltre preferibile disporre i mobili più alti in corrispondenza delle pareti. Divani, consolle, e tavolini, saranno invece la soluzione perfetta per dividere gli spazi. Anche una libreria, purché aperta su entrambi i lati, rappresenta un'ottima alternativa in questo senso, creando una maggiore privacy ed evitando nello stesso tempo un'eccessiva chiusura dell'ambiente. Riguardo ai colori, privilegiamo sempre tonalità fresche e chiare, in modo da garantire un maggiore senso di ampiezza all'intera stanza. In foto Mia, di Aran Cucine. Le finiture, che spaziano dalle preziose essenze del legno alle tinte unite, ne sottolineano il carattere metropolitano, in continuo divenire.

Soggiorni open space

Come abbiamo visto, la luce rappresenta un elemento fondamentale nella percezione degli spazi. Motivo per cui preferire sempre, per un soggiorno cucina openspace, colori chiari e luminosi. Abbiniamo poi tendaggi sottili, che permettano alla luce di attraversare gli ambienti, a materiali naturali, come il legno grezzo. Anche le trasparenze sono le benvenute, attraverso l'uso di specchi, resina e vetro. In una casa di modeste dimensioni diventa davvero importante scegliere con cura mobili e accessori, senza esagerare in quantità ed ingombri. Un angolo abitato da una poltrona dal grande schienale e da una vecchia ed eccentrica lampada, ad esempio, creerà un'atmosfera ricercata senza appesantire un ambiente già molto piccolo: tavoli da caffè, poggiapiedi e ingombranti pouf diventerebbero fuori luogo, in questo caso. Riguardo ad oggetti e complementi d'arredo, se lo spazio è davvero ristretto, sarà indispensabile selezionare ciò che è veramente utile, tenendo a portata di mano gli utensili indispensabili e “nascondendo” tutto quello che utilizziamo con meno frequenza: dai servizi di piatti e bicchieri per le occasioni speciali, ad elettrodomestici che ci tornano utili soltanto di rado. Utilizziamo gancetti in acciaio per appendere asciugapiatti, mescoli e cucchiai, e riponiamo barattoli di sale, zucchero e caffè su piccoli ripiani o mensole in legno. In foto Agnese di Lube, collezione Loving Living System – un programma che unisce la funzionalità della cucina moderna alla naturale accoglienza della zona soggiorno. Un progetto concreto, dal sapore romantico. La scelta del legno massello, un materiale antico e prezioso, si declina in molteplici finiture, rendendosi adatto a qualsiasi stile di arredo.

Come arredare una cucina soggiorno

In un soggiorno cucina openspace, oltre all'imprescindibile zona cottura, non potranno mancare alcuni mobili e complementi altrettanto fondamentali. Dovremo quindi procurarci un bel tavolo (tondo nel caso le metrature siano davvero ridotte o rettangolare e il più possibile spazioso se la dimensione dell'ambiente lo permette), almeno quattro sedie (perché non valutare l'idea di sceglierne una diversa dall'altra, giocando con forme e materiali?), una credenza in cui riporre bicchieri e stoviglie, e un soffice divano, reso ancora più confortevole da morbidi cuscini e caldi plaid. Utensili, detersivi e piccoli elettrodomestici troveranno invece spazio all'interno di ampi cassettoni in corrispondenza della zona cottura o in mini ripostigli ricavati da nicchie o rientranze delle pareti. Per finire, non dimentichiamo di affidarci ai tappeti: tondi, quadrati, rettangolari, o over size, scalderanno i vostri pavimenti, donando all'ambiente un'atmosfera estremamente calda ed accogliente. In foto Oyster, una proposta firmata Veneta Cucine. Un modello versatile e poliedrico appartenente alla collezione Essence che si caratterizza per un'anta rigorosamente piana, un gusto estremamente attuale e gli effetti materici dei “decorativi”.

Cucina living

Le famiglie numerose diminuiscono, i modelli di vita cambiano, le esigenze dei singoli mutano; questi e altri fenomeni, in atto ormai da tempo, comportano profonde trasformazioni anche nelle dimensioni e nelle configurazioni delle case. La zona giorno aperta, ossia senza pareti che dividono cucina, soggiorno e sala da pranzo, in particolare, viene sempre più apprezzata non solo perché favorisce la convivialità e aumenta la luce disponibile, ma soprattutto perché consente di sfruttare al meglio lo spazio disponibile, in molti casi piuttosto contenuto. Nel Regno Unito persino case d’epoca in stile georgiano e vittoriano di dimensioni non eccessive vengono ristrutturate abbattendo muri interni. Per dare un senso di continuità e conferire una coerenza estetica alle differenti zone di un soggiorno cucina openspace, quasi tutti i produttori di arredi propongono soluzioni integrate. Tra i player di mercato, anche Febal, nota e apprezzata azienda sammarinese che, come sapientemente ed efficacemente sintetizzato dal messaggio Febal dolce Febal, offre versatili soluzioni total look per la casa. Kaleidos, in particolare, è un sistema di arredo componibile adatto a qualunque ambiente. Materiali innovativi ed ecosostenibili come il vetro e l’alluminio sottolineano uno stile contemporaneo caratterizzato da elementi eleganti, robusti, sicuri, funzionali e rispettosi dell’ambiente. Il top dei piani di lavoro è in Dekton, una rivoluzionaria miscela di materie prime usate nell’edilizia che permette di creare superfici, anche di grande formato, adatte a qualunque stile. Resistenti anche ai graffi e piacevoli al tatto, durano a lungo nel tempo e sono estremamente facili da pulire. Le Isole e le strutture Join configurabili in librerie fungono da raccordo tra le zone creando un senso di unicità e di armonia generale. In foto Kaleidos di Febal

Cucina salone

Gli spazi a pianta aperta, in genere tipici dei loft, vengono oggi adottati anche in ambienti di dimensioni contenute o in abitazioni caratterizzate da grandi superfici. Se la casa è piccola, la zona cucina può prevedere un semplice angolo cottura per lasciare spazio ad una zona in cui collocare un tavolo, magari allungabile, un divano e delle poltrone. Se le dimensioni lo consentono, sistemare una penisola o un’isola nel soggiorno cucina openspace crea un forte impatto visivo, conferisce eleganza e personalizza il locale. In ogni caso i mobili e i complementi d’arredo devono sempre essere funzionali e rispondere alle esigenze dei singoli. Coordinati o in contrasto, anche i materiali e i colori vanno scelti con cura per non creare confusione o dissonanze; le tinte scure, ad esempio, potrebbero appesantire e incupire l’ambiente. Quadri, cornici, specchi, punti luce come lampadari, lampade da terra o da tavolo, faretti e appliques, nonché vasi, tendaggi, tessuti, piante da appartamento rendono lo spazio più accogliente ed elegante. A chi ama lo stile contemporaneo, l’arte, le atmosfere tipiche di località come Miami Beach o Porto Cervo, oppure, più semplicemente, la sensazione di intimità e di calore che offre il legno, Berloni, azienda italiana fondata a Pesaro negli anni Sessante, propone Canova, caratterizzata da linee essenziali, ante lisce senza maniglie e da venature a vista. In foto Canova di Berloni. È garantita dieci anni.

Sfoglia i cataloghi: