Specchiera bagno, le più belle del reame

Specchiera per bagno

Rettangolari, curve, senza contorni o integrate nell'arredo, tradizionali oppure espressione di un concetto di design: non è facile classificare le specchiere bagno, un complemento che si relaziona strettamente ai mobili, ma anche ai rivestimenti e a tutti gli altri accessori che trovano posto nella stanza da bagno. L'interazione avviene in primo luogo in termini di materiali, con rimandi che possono contrapporre la luminosità del cristallo alla consistenza scabrosa di certe superfici piastrellate o, secondo un'altra logica, generare un filo conduttore fra oggetti diversi per funzione ma accomunati da dettagli metallici coordinabili. Le combinazioni sono infinite, soprattutto se si considerano parte della specchiera anche le fonti di illuminazione (lampade, faretti e simili), e se si tiene conto delle produzioni che integrano sistemi da "realtà aumentata" nella superficie dello specchio (indicazione dell'ora o di scritte, riproduzione di suoni, innesto di finestre televisive). Interessanti, da questo punto di vista, le sperimentazioni di Antonio Lupi (specchiera Ovidio, con citazioni in latino) e la MirrorTV di Rab Arredobagno.

In foto: specchio con cornice e portaoggetti rimovibile © Falper

Specchiera per bagno


Specchiera contenitore bagno

Specchiera contenitore bagno Una definizione delle principali tipologie di specchiera la realizza Falper nel suo catalogo, organizzato intorno a quattro categorie: specchi a filo lucido (36 formati standard e possibilità di personalizzare le misure), specchi luminosi (montati su struttura in acciaio inox AISI 304 lucido), specchi con cornice (30 misure standard e variazioni personalizzate), specchi contenitore (basati su moduli componibili). Le cornici degli specchi Falper vengono realizzate in cristalplant e in acciaio inox lucido, oppure con finiture legno su rovere impiallacciato (Rovere, Rovere sbiancato, Rovere bianco, Rovere decapato, Rovere sabbia, Rovere nero, Rovere naturale spazzolato, Rovere grigio, Wengè, Palissandro opaco, Ebano, Noce Canaletto) o con colore laccato (varianti lucide e opache). Per gli specchi contenitore, dotati di mensole interne e, su richiesta, di profili in acciaio e illuminazione LED, sono previste tre modalità di installazione: a sbalzo, a semincasso, a incasso totale.

In foto: specchio contenitore installato a sbalzo © Falper

  • consigli bagno A lungo la sala da bagno è stato considerato un luogo riservato della casa e puramente di servizio. Fortunatamente le nuove tendenze in fatto di arredamenti e organizzazione degli spazi domestici ne s...
  • cucina Workshop Dialma Nato qualche anno fa dalla passione per l’arredamento della famiglia Marchi, leader nella produzione di cucine di alta qualità, il brand Dialma Brown  fonde perfettamente nelle sue proposte lo stile c...
  • ilbagnoalessi dot La sala da bagno si fa sempre più versatile, accattivante, personalizzabile. Dalla rubinetteria, ai sanitari, ai mobili che la arredano, le più attuali tendenze del'arredo bagno sono declinate dal mon...
  • arredo bagno karol k08 Da oltre 30 anni Karol produce ambienti per cucina e arredi bagno. Le due linee di produzione si differenziano per Target di mercato al quale si rivolgono. Nel bagno i modelli si caratterizzano attrav...


Specchiera da bagno

Specchiera da bagno Più che una specchiera bagno, un display: il modello Mira fa parte della linea di specchi retroilluminati LED proposta da Vanità & Casa, e incorpora molte delle "aggiunte" che definiscono questi prodotti come una evoluzione della specie. La superficie riflettente (spessore: 5 mm), dotata di funzione anti-appannamento, prevede la possibilità di istallare il sistema Blue-vibe, per trasmettere via Bluetooth, grazie a una cassa a vibrazione incorporata, la musica dal proprio dispositivo mobile. I LED, che dal retro dello specchio diffondono la luce verso l'alto e verso il basso, si azionano con un gesto, sfiorando l'apposito sensore a infrarossi. Mira viene prodotto in due formati: 60 x 80 cm e 100 x 70 cm. Entrambe le varianti montano uno specchio ingranditore 3x (diametro: 14 cm), a sua volta retroilluminato. La collezione di Vanità & Casa include anche specchi dotati di orologio digitale, Power-Sound (sistema stereo con cui ascoltare radio o mp3 tramite USb o schede di memoria) o funzione cambio colore RGB per i LED (in particolare, il modello Boreale).

In foto: specchio retroilluminato Mira © Vanità & Casa


Specchiera bagno prezzi

Specchiera bagno prezzi La specchiera bagno a ribalta, con contenitore e faretto a LED, inserita nel catalogo della linea Mistral di Idea Group (collezione Basic), oltre a riassumere in un unico elemento le funzioni del più classico duo specchio/mobiletto, include il supporto per l'illuminazione. La base su cui è inserita la superficie riflettente coincide con l'anta basculante, che chiude il vano suddiviso tramite un ripiano di cristallo, pensato per disporre gli oggetti della toilette quotidiana. A parità di profondità (18 cm) e altezza (48,5 cm), la specchiera contenitore a ribalta viene presentata in quattro varianti di larghezza: 60 / 77,5 / 90 / 120 cm. Il design essenziale dei componenti Mistral, costruiti con pannelli ecologici in truciolato di legno riciclato e pannelli di fibre a media densità, si veste dei colori laccati che popolano la ricchissima tavolozza, in versione opaca e lucida. Per gli amanti delle tessiture naturali e degli accostamenti tra finiture diverse, Idea Group mette a disposizione tre essenze di legni polimerici: Wengè, Rovere Carruba, Rovere Sbiancato. Le differenze di rifinitura e tonalità, insieme all'opzione delle dimensioni, determina oscillazioni nel prezzo. Per esempio, la specchiera contenitore Mistral nella variante di colore laccato lucido Perla, con dimensioni 77,5 x 18 x 48,5 cm, viene venduta a 308 euro (IVA compresa), mentre nel formato 120 x 18 x 48,5 cm, raggiunge i 405 euro. Costa 300 euro anche la versione 90 x 18 x 48,5, ma a patto che si decida di applicare la finitura essenza legno di colore Rovere Sbiancato. Il medesimo colore, abbinato allo stesso formato 120 x 18 x 48,5 produce due preventivi diversi, se la laccatura è opaca (384 euro) o lucida (405 euro).

In foto: composizione con specchiera contenitore a ribalta Mistral © Idea Group


Specchiere bagno

Specchiere bagno Nella maggior parte dei casi la specchiera bagno fa parte di una composizione ad hoc. Come quella che vi mostriamo in foto: si tratta di una delle versioni relative alla collezione R1 di Rexa Design. E’ un sistema componibile che consente, incrociando colori e finiture, dimensioni e caratteristiche di apertura, numerose soluzioni compositive, estetiche, materiche e cromatiche. Soluzioni che comprendono mobili contenitori, vasca, lavabi, piatti doccia, sistemi di illuminazione e specchi, appunto. Scendendo più nel particolare, la specchiera che vedete è caratterizzata da ante a specchio con due lati scorrevoli e a battente sulla stessa scocca. I ripiani sono predisposti per lasciare sempre collegati phon, piastra, rasoio, spazzolino elettrico e qualunque altro dispositivo. E’ un prodotto funzionale, dotato di ottima capacità contenitiva e anche contraddistinto da un’estetica raffinata quanto discreta.


Specchiere per bagno

Specchiere per bagno Scavolini è un marchio storico per quanto riguarda le cucine made in Italy. Da qualche tempo l’azienda ha notevolmente ampliato la propria attività e oggi produce anche mobili per il living e arredo bagno. Le specchiere bagno Scavolini sono parte integrante di mobili moderni, caratterizzati da un’immagine accattivante e da una funzionalità che davvero si tocca con mano. Nella foto ecco Font, una nuova proposta la cui peculiarità è l’anta in vetro. La lastra in vetro di 4 mm viene applicata sopra ad un pannello laccato nello stesso colore del vetro. L’apertura è resa possibile da sistemi push-pull o da una maniglia con inserto in vetro posizionata al centro dell’anta. E’ possibile scegliere il fianco del mobile nella finitura in vetro o con un fianco a L, di spessore 5 cm, sempre in vetro, che va a nascondere lo spessore dell’anta. La collezione è intergtata da ben 25 lavabi (in appoggio o integrati ai piani dei mobili e disponibili in Cristalplant, mineralmarmo, vetro, pietra o ceramica), sanitari sospesi e a terra, rubinetterie, piatti e box doccia, vasche, diversi sistemi di illuminazione e specchiere. Quella che vi mostriamo è doppia, così come doppio è il lavello. C’è posto per due persone contemporaneamente, quindi, e questo significa anche poter risparmiare tempo. Notate come il vetro valorizzi lo specchio e viceversa, in un gioco di riflessi che ha un notevole impatto estetico e al contempo dona luminosità all’ambiente.


Specchiera bagno, le più belle del reame: Specchio bagno

Specchio bagno Se siete amanti del design, se subite il fascino della tecnologia applicata alla vita domestica, se ritenete che la funzionalità non possa prescindere dal design, allora una delle nuove specchiere bagno Duravit potrebbe decisamente fare al caso vostro. Ci riferiamo alle specchiere della collezione L-Cube: non si tratta di semplici superfici riflettenti bensì di armadietti a specchio che uniscono minimalismo delle forme a un’elevata praticità. La striscia luminosa a led che fa da cornice offre un’illuminazione ottimale e può essere accesa, spenta o dimmerata mediante sensore. Duravit ha quindi messo a punto una serie di mobili che hanno un ingombro ridotto e al contempo sono multifunzionali. La superficie occupata dallo specchio ospita anche l’armadietto nel quale riporre tutti gli oggetti relativi all’igiene e alla cura quotidiana del proprio corpo. Non c’è bisogno di faretti e applique di sorta grazie, appunto, alla cornice “strategica”; il fatto che sia a led e che possa essere governata in base alle esigenze del momento, inoltre, si traduce in un risparmio energetico che alla lunga diventa notevole.