Come scegliere il piatto doccia 70x90cm

- 26 giugno 2018

Progettare la cabina doccia a partire dal piatto

Una delle parti essenziali di un box doccia è il suo piatto che rappresenta l’elemento di partenza per costruirlo e organizzarlo, selezionando colore e stile in accordo con gli arredi e i rivestimenti del bagno e che deve essere funzionale, antiscivolo, facile da pulire. Se lo spazio lo consente, la tendenza è quella di equipaggiare uno spazio doccia (e dunque il relativo piatto) lungo anche fino a 2 metri puntando a un vero e proprio angolo-benessere, mentre nel caso di locali piccoli si opta per misure quadrate 65x65 e 70x70. Sono però le dimensioni rettangolari pari a una profondità di 70 cm e una lunghezza di 90 quelle maggiormente versatili, adatte in pratica a qualsiasi bagno e ideali inoltre come alternativa alla classica vasca e in grado soprattutto di raggiungere un buon compromesso tra comodità e ingombri. La forma allungata della piletta conferisce compattezza al piatto doccia Linea di Disenia, in tecnogel, cioè resine poliesteri e minerali con sottile velo di gel-coat acrilato, che lo rendono igienico, a ridotta carica batterica e resistente anche ai raggi UV.

I tre modi per installare il piatto doccia

Ci sono tre tipologie per installare il piatto doccia nei diversi formati e dunque anche in quello del pratico 70x90 cm.

  • Il piatto doccia di appoggio è il più tradizionale: crea uno scalino sul pavimento utile pure per ottimizzare la pendenza dello scarico.
  • Il piatto a filo pavimento non presenta alcun scalino con il pavimento quindi è più accessibile e mostra estetiche raffinate e pulite. Non è ideale lì dove le pendenze dello scarico sono troppo ridotte.
  • Il piatto doccia a incasso è una soluzione intermedia, poiché è inserito parzialmente nel massetto e forma un piccolo gradino nel pavimento.
Joy, il piatto doccia di BluBleu è eclettico, da incasso o da appoggio: in solid surface, mix di minerali vari e resine acriliche, la non porosità lo rende facile da pulire, antibatterico e resistente.

Piatto doccia 70x90: quali sono i materiali migliori

Quale è il materiale migliore da scegliere per il piatto doccia anche nel formato 70x90?

  • La classica ceramica è la più usata. Più pesante rispetto agli altri prodotti, si trova non liscia ma con piccoli rilievi per non fare scivolare. Se si rompe non si può riparare.
  • Leggero, il piatto in acrilico ha uno spessore minimale, perfetto per l’installazione a filo pavimento. Antiscivolo anche nella finitura liscia, tende però a ingiallirsi, ma se si scheggia si può riparare.
  • La resina pure va bene per la modalità a filo pavimento, è ultrasottile e ha un alto livello di personalizzazione in colori e texture. Antiscivolo, resiste ai graffi, si può riparare se si rovina, ma il colore va rinforzato periodicamente con trattamenti specifici per rimanere inalterato.
  • I materiali compositi, mix di resine, minerali, polimeri, gel, a seconda delle percentuali sono più o meno antimacchia e antiscivolo, con numerosi colori e finiture. Un nome per tutti, il Corian, resine acriliche e idrossido di alluminio, sottile, resistente a urti, graffi, molto versatile, si può aggiustare se si rompe: igienico, non poroso, esteticamente molto elegante.
È di questa sostanza Campo, il piatto doccia di Planit, con bacino termoformato che, grazie alla lieve inclinazione dei lati, guida l’acqua verso il copripiletta quadrato centrale.

I colori del piatto doccia

In bagno, il colore è importante per rendere l’ambiente meno monotono e anche il piatto doccia nei suoi diversi formati è determinante in questa ottica. Il bianco è la tonalità che rimane in cima alla lista, ma accompagnato sempre più spesso da toni pastello, grigi, crema, da nuance intense come il verde salvia o l’azzurro cielo e di impatto, come il marrone scuro e il nero. I piatti possono essere poi lisci, opachi, mostrarsi con superfici ruvide o addirittura vellutate, nonché avvalersi di una ampia gamma di finiture con effetti che richiamano la pietra naturale e persino diverse essenze del legno. Se non basta, alcuni modelli, in particolare quelli a base resina, possono essere colorati da sfumature a piacere. Il piatto doccia Trendy di Arblu ha il copripiletta in tinta, texture materica da selezionare tra sei tinte, come il cappuccino. Antiscivolo, antibatterico, anti raggi UV, ha spessore di 3 cm, la possibilità della rampa per entrata facilitata e l’applicazione di un bordo contenitivo.

Sfoglia i cataloghi: