Cucina laccata o laminata?

Cos’è il laccato

Quando parliamo di cucine ci sono tanti fattori da prendere in considerazione. Dopo aver scelto il modello della cucina e i rispettivi elettrodomestici bisogna scegliere i colori e i materiali che comporranno il top e le ante. Le ante sono composte da pannelli di fibre di legno che vengono successivamente rivestite in vari materiali: laccato, laminato, vetro o materiale polimerico. Il laccato è un particolare trattamento che viene effettuato sul legno con prodotti poliuretanici che riescono a fornire una vasta gamma di colori e varie versioni che cambieranno la sensazione al tatto e alla vista; rendendo la superficie liscia, a poro aperto, opaca o lucida. Le numerose varianti rendono questo trattamento molto adattabile ai vari gusti dei clienti che avranno l'imbarazzo della scelta. Nonostante questa piacevole caratteristica il laccato, oltre ad essere una rifinitura costosa, va incontro ad una naturale variazione del colore. È per questo motivo che, se si opta per questo tipo di finitura, sarebbe consigliato affidarsi ad aziende che producono cucine con particolari vernici di qualità e che effettuano test sui loro prodotti. Scavolini nella sua particolare attenzione al cliente (in foto la cucina laccata Flux Swing di Scavolini realizzata in collaborazione con Giugiaro Design).
cucina flux scavolini


Cos'è il laminato

cucina dada La cucina come abbiamo accennato può essere scelta anche con ante in laminato. Il laminato è un trattamento che va a rivestire i pannelli in legno o di MDF con un rivestimento a base di resine fenoliche o melaminiche. A differenza del laccato il laminato risulta molto più resistente e più facile da pulire. Per avere un laminato di qualità elevata bisogna affidarsi a produttori che utilizzano laminati ad alta intensità (o HPL), che rispettino quindi le norme EN 438/1, come la cucina Trim disegnata da Dante Bonuccelli per Dada (in foto). Questo tipo di rivestimento è molto resistente, ha una struttura più stabile rispetto ad un laccato ed è completamente impermeabile. C'è poi un laminato più evoluto, il laminato polimerico, che oltre al trattamento standard viene ricoperto da un foglio di PVC ( cioè il polivinilcloruro) incollato a caldo così da diventare un tutt'uno con l'anta. Viene definito nobilitato appunto perché viene rivestito da quest'ultimo strato che rende l'anta molto più resistente all'urto, al contatto con i liquidi e ai graffi.


Ante laccate

cucina motus scavolini L'anta laccata è sicuramente più delicata di quella laminata anche se le vernici che vengono utilizzate adesso dalle migliori aziende che producono cucine sono arrivate a tutelare l'anta sottostante e appagare l'occhio. Come abbiamo accennato le vernici laccate vanno incontro a variazione di colore con il passare del tempo; si consiglia infatti di posizionare la cucina, se possibile, dove non riceve direttamente i raggi del sole. Scavolini presta molta attenzione alla qualità dei suoi prodotti e per garantire un livello elevato dei materiali sottopone le vernici e le ante verniciate a severi test. Solo le ante che ricevono una votazione elevata vengono poi immessi sul mercato (in foto la cucina laccata Motus di Scavolini). Parliamo comunque di un'anta delicata che quindi deve essere trattata con il giusto riguardo. Per la quotidiana pulizia delle ante laccate vi consiglio di utilizzare panni morbidi e detergenti appositi (non abrasivi) o un comune panno in microfibra così da ridurre al minimo la possibilità di graffiare la superficie. Quando lo sporco è più ostinato si può utilizzare l'alcool etilico abbondantemente diluito (solo per le ante laccate lucide). Può comunque succedere che la superficie della vostra cucina si danneggi o si graffi. In questi casi bisognerà intervenire applicando la vernice della "boccetta ritocco" che solitamente viene consegnata insieme alla cucina. In questo caso una buona manualità è indispensabile per evitare colature o ritocchi che peggioreranno solamente la situazione. Un consiglio: utilizzate un piccolo pennello, intingetelo con la parte più superficiale della punta così da assorbire poca vernice e andate a ricoprire la parte interessata tamponando l'area dall'interno verso l'esterno.


Cucina laccata o laminata?: Ante laminate

laminato HPL Le finiture arrivano alla fine, quando si è scelto tutto quello che compone la cucina e la sua disposizione. La qualità dei materiali è sempre data dai sistemi che i produttori utilizzano per ottenere il prodotto finale. Prodotti che dovranno durare nel tempo soprattutto in un ambiente come la cucina che per sua natura viene vissuta e sfruttata più di altri arredamenti. È per questo che materiali, vernici e finiture vengono sottoposti a numerosi test, come succede per la cucina Hi-Line 6 disegnata da Ferruccio Laviani per Dada. Il laminato HPL (acronimo di high pressure laminate) viene incollato attraverso un 'elevata pressione a temperature molto alte. Anche queste ante vengono proposte in varie finiture e tonalità di colori, con la caratteristica di essere particolarmente igieniche; infatti per la manutenzione basta solamente passare un panno (anche in microfibra) umido con detergenti appositi per queste superfici (vanno bene anche i detergenti per vetri). Se lo sporco è più resistente utilizzate pure spugne o spazzole basta che non siano ruvide. Una volta rimosso il tutto pulite bene la superficie non lasciando tracce dei prodotti che avete utilizzato così da evitare di danneggiare la superficie. Bisogna prestare molta attenzione a non rimuovere la pellicola protettiva delle ante perché è proprio quell'ultimo rivestimento che permette all'anta di mantenersi nel tempo,non utilizzate quindi pagliette in alluminio e prodotti come creme abrasive, detersivi in polvere o l'acetone.