Arredamento.it

Arredamento.it

Il forno a vapore e la cucina sana

- 30 ottobre 2014

Forni a vapore

Il forno a vapore è un elettrodomestico che abbina un sistema a termoconvezione a un sistema a vapore, il quale permette il ricircolo d’aria tipico del forno termoventilato con in più l’opportunità di cuocere i cibi impiegando il vapore acqueo, offrendo la possibilità di passare da un sistema all’altro di cottura in quasi tutti i modelli presenti sul mercato.
 D’altro canto, la cottura al vapore è la metodologia più salubre per cuocere gli alimenti, i quali non vengono a contatto con l’acqua, come accade con la bollitura. Il vapore che sale per ebollizione dell’acqua sottostante, senza mai superare i 100 gradi cuoce a puntino le pietanze, le quali in tal modo non perdono le loro sostanze nutritive, come pure gusto e profumo. In foto: forno multifunzione a vapore BS 9354071 M di AEG in classe energetica A-20% ed estetica inox antimpronta che abbina alle modalità di cottura tradizionali tutti i vantaggi della cottura a vapore, per cucinare in modo più sano e gustoso.

Forno a vapore opinioni

Il forno a vapore ha coinvolto le società di elettrodomestici più note, integrando con i suoi sistemi anche forni normali e offrendo un’ampia scelta agli utenti.
 Dai forum online emerge una certa soddisfazione da parte dei consumatori che utilizzano questo tipo di forno, non ancora diffusissimo, a dire il vero, nel Belpaese. In particolare vi è molto gradimento per il forno a vapore combinato il quale reidrata letteralmente i cibi: li riscalda dapprima delicatamente e quindi evita che i nutrienti in esso contenuti siano eliminati. I cibi risultano morbidi come appena cucinati; si può dunque approntare il proprio pasto in ogni momento del giorno per poi dedicarsi ad altre attività. In breve: i consumatori sono pronti per un forno combinato, che includa l’opzione a vapore, più che un forno a vapore tout court, poiché questo genere di cottura è tutto sommato ancora poco diffuso. Nella foto: forno ProCombi a vapore BS 9354151 M di Aeg-Electrolux, un forno multifunzione in cui la cottura sottovuoto si aggiunge a quella a vapore ed alle altre tipiche di un normale forno elettrico.

Forno cottura a vapore

Cucinare rinunziando all’uso di olio e grassi animali o sintetici grazie alla cottura a vapore oggi è possibile. Questo tipo di cottura, che permette la preparazione di pietanze leggere e dall’apporto calorico contenuto ha vissuto un forte boom sul finire degli anni Ottanta per essere quasi abbandonata nei decenni successivi. Attualmente, per ragioni salutistiche ma anche ambientali, si evidenzia un ritorno a questo tipo di cottura. La cucina a vapore rappresenta un’alternativa ecologica rispetto ai metodi classici, dato che consente un risparmio in termini economici, energetici e di tempo speso per la preparazione delle pietanze, per le quali basteranno solo pochi minuti di cottura. Il forno a vapore è un dispositivo che sfrutta la capacità del vapore acqueo di trasmettere calore all’alimento e di cuocerlo senza il contatto diretto con l’acqua evitando così la dispersione delle componenti nutrizionali, vitamine e sali minerali come abitualmente accade nel processo di bollitura. In foto: forno Combisteam Electrolux Rex, l’evoluto forno multifunzione in cui la cottura a vapore si aggiunge alle altre modalità di cottura tradizionali per risultati d’alta cucina.

Ricette forno a vapore

Tutte gli ortaggi si prestano alla cottura al vapore, con risultati perfetti sia per quelli in foglia (come bietole e spinaci) sia per quelle carnose, come fagiolini, carote e zucchine (da tagliare a tocchetti). Le patate invece devono essere cotte intere con la buccia. Vuoi preparare un piatto ad alto tasso di sostanze antitumorali e antiossidanti? Riempi il forno a vapore con un mix di broccoli, cavolfiori o cavolini di Bruxelles, tagliati tutti delle stesse dimensioni e cuoci per dieci minuti. Studi recenti evidenziano che in tal modo si preserva circa il 90% del contenuto di alcuni composti chiamati glucosinolati, che sono potenti anticancerogeni, mentre la bollitura ne fa perdere oltre il 50%. A fine cottura, per rendere più gustose verdure e ortaggi cotti al vapore, si consiglia un condimento con una salsa agrodolce a base di ananas e mango oppure yogurt e zenzero.