Innaffiare le piante

Piante in casa: come innaffiarle

Ormai non si può fare a meno di un piccolo angolo verde tutto per noi. In salotto, in terrazza e in casa, oltre ai mobili e complementi d'arredo, vogliamo delle piante che ci piacciono rendendo l'ambiente bello e confortevole. Bisogna prestare però, attenzione e cura per queste piccole creature somministrando la corretta quantità di acqua.

 

Ogni pianta ha delle caratteristiche ben precise; alcune hanno l'esigenza di essere irrigate continuamente altre invece richiedono pochissima acqua. Appurato questo, innaffierete le vostre piante non solo guardando le foglie ma controllando spesso il terriccio del vaso; se umido non necessita di ulteriore acqua se invece si stacca dal vaso vuol dire che è troppo asciutto. L'innaffiamento delle piante, dipende molto anche dalla stagione in cui ci troviamo.

 

In inverno ad esempio, l'acqua in grandi quantità stimolerà la crescita causando però il loro'indebolimento e conseguente marcitura. Appena notate i primi segni di sofferenza, potrete procedere con un'operazione di trapianto. Metterete le stesse in un altro vaso con un nuovo terriccio contenente almeno il 25% di sabbia. Prima di effettuare quest'operazione, vi consigliamo di prestare particolare attenzione alle radici; se sono bianche potrete procedere invece se hanno un colore bruno ed emanano un odore sgradevole, significa che non possono essere salvate quindi trapiantate.

 

Esistono comunque piante in crescita (con i boccioli) e piante che vengono da posti caldi asciutti o umidi che necessitano di un irrigazione costante. Con un'insufficiente innaffiatura, il terriccio si ritira, le foglie basse si arricciano e cadono mentre quelle più alte, diventano di color marrone fino all'appassimento dei fiori. 

 


Innaffiare le piante: Risparmiare l'acqua

Finchè dobbiamo innaffiare poche piante non ci poniamo il problema dell'acqua che consumiamo però è buona norma, conoscere i metodi per risparmiare acqua. L'arrivo di estati torride e di ordinanze comunali che vietano l'irrigazione di giardini, ci costringe a prendere degli accorgimenti. Se avete un piccolo orto o giardino condominiale, il consiglio è quello di creare un contenitore che riesca a raccogliere tutte quelle acque di uso domestico non inquinate da detersivi includendo anche quelle piovane.

 

Il momento della giornata nel quale è meglio innaffiare le vostre piante è sicuramente il mattino. Il sole non picchia come nelle altre ore del giorno diminuendo schok termici e il formarsi di funghi. Dovete farvene una ragione: per la crescita del vostro rigoglioso giardino, la levataccia sarà all'ordine del giorno! Per l'irrigazione è da preferire quella a mano piuttosto di quella a pioggia, in particolare praticando la microirrigazione. Come funziona? Attraverso un tubo bucherellato posizionato accanto al solco della semina, l'irrigazione avverrà goccia a goccia consentendo al terreno di assimilare la giusta quantità d'acqua evitando che si disperda o evapori. Per i più tecnologici è possibile affidarsi a dei sensori di umidità wireless i quali con la loro misurazione, riescono a prevedere il verificarsi di temporali evitando quindi un'inutile irrigazione artificiale.

 

  • Irrigatore a goccia Idris Dalla ricerca Claber, la soluzione più versatile, efficace e durevole per un’esigenza sempre più diffusa.I vasi con fiori e piante ornamentali sono un elemento d’...
  • piante su balcone Chi ha la fortuna di avere un’abitazione con un bel terrazzino proverà sicuramente piacere nel pensare di arredarlo con delle belle piante da balcone, in grado di creare un angolo verde e rilassante i...
  • bonsai Storia antica quella dei bonsai, che risale a circa quindici secoli fa nell’antica Cina. Erano piante nate da grande sofferenza dovuta a situazioni climatiche avverse che non ne permettevano un corret...
  • piante grasse Quanto spesso ci sentiamo sole e abbandonate, nella nostra casetta, soprattutto nei periodi invernali? Se una tazza di the non basta a scaldarci, potremo optare per una compagnia alternativa: le piant...