Paolo Favaretto: una mostra di arredamento e design d’interni per i 40 anni di attività

Successo, crescita personale e lavorativa di un grande designer d’interni

Paolo Favaretto festeggia i 40 anni di attività lavorativa e questo traguardo viene“celebrato” anche dalla sua città natale. Padova gli dedica una mostra che permetterà di scoprire storia e design in un racconto lungo 40 anni, tra avvenimenti storici e pezzi di design da lui disegnati.

 

Architetto e designer, Paolo Favaretto interpreta la cultura del bello, tutto italiano, tramite forme, materiali e colori, sempre pronto e aperto ai cambiamenti con lo scopo di creare progetti e oggetti che durino e funzionino nel tempo.

Fil rouge della sua metodologia progettuale sono curiosità, rigore e passione per la ricerca, e tutto questo è presente in 40 anni di progettazione architettonica e industriale.

Una marcia in più, quella capacità di creare, innovare, trasferire un pensiero in progetto seguendone il processo produttivo.

 

mostra favaretto

Balvi - Astuccio occhiali&lenti a contatto Twin nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,85€


Una figura rilevante per il design industriale

sedie impilate Paolo Favaretto ha collaborato e tuttora collabora con importanti realtà nell’ambito del disegno industriale e dell’arredo, come ad esempio Emmegi per cui ha progettato la sedia Agorà ancora in produzione.

Un professionista che si è dedicato alla progettazione di pezzi che sono divenuti un classico del design industriale riconosciuti in Italia e all’estero. 

 

Un grande traguardo il raggiungimento dei 40 anni, fatti di creatività, impegno, rapporti unici e personali, amicizie con cui collaborare per risultati di alto livello.

1980: data importante per le collaborazioni internazionali da parte dell’architetto e designer, come ad esempio quella con l’azienda canadese Kinetics, ma non solo. Tante le collaborazioni che nel tempo si sono moltiplicate dagli Stati Uniti alla Corea, fino al Giappone, senza trascurare l’Europa.

 

Inizialmente i temi progettuali erano sedute per ufficio, la cui passione e riconoscibilità di progetto sono legate, ma in breve si passò a passò a mobili per l’ufficio e per la casa, lampade e lampadari, letti e divani di ogni tipologia, televisori, cucine e molto altro.

Un pensiero poliedrico e versatile che ha dato modo a Paolo Favaretto di poter sperimentare anche progettazioni architettoniche e ristrutturazioni, allestimenti fieristici e showroom permanenti.

 

  • riciclantica valcucine Grande assente al salone del mobile appena concluso, la cucina funzionale non cessa mai di stupire per originalità in quanto a stile ma anche a ricerca tecnologica. La ricerca Valcucine ha realizzato ...
  • cucina isola Quando siamo alla soglia della scelta della cucina, la possibilità è di scegliere un elemento in linea retta, uno ad angolo, un elemento con penisola o ancora le isole cucina.Le cucine con isola si ...
  • cucina doimo aspen Nel corso degli ultimi anni la cucina va sempre più confermandosi quale cuore pulsante della casa, luogo polivalente in cui la preparazione del cibo si trasforma in un’arte da condividere con la famig...
  • colore cucina Ad Eurocucina la forza del colore e l’energia della luce rendono le nuove cucine più che mai attuali. Un' estetica giocata sui colore cucina fatto di cromatismi valorizza architetture semplici e linee...

Sports Vision's 3 pezzi Nuovo Macaroon Verde Conservazione Lenti a Contatto/ Custodia a Immersione Certificato CE & Omologato FDA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Paolo Favaretto: una mostra di arredamento e design d’interni per i 40 anni di attività: Il design per tutti: equo e accessibile

sedia di favaretto Nell’ottica della buona progettazione Paolo Favaretto da sempre sostiene e pratica i principi del Design for All, dichiarazione accettata dalla Commissione Europea e promossa dall'IIDD (Istituto Italiano Design Disabilità), oggi  DFA Italia, da lui co-fondata, a favore di una metodologia progettuale che garantisca accessibilità di luoghi, oggetti e spazi a tutte le tipologie di utenti, a prescindere dallo standard e dalla tipologia.

 

Concretezza e lungimiranza con un grande coraggio sono le che rendono uniche le sue proposte in ogni ambito progettuale.

Esperienza lunga e produttiva tanto da consolidare rapporti con prestigiose realtà produttive, tra cui due i progetti più rappresentativi della sua carriera: due sedute, Assisa ideata nel 1986 tuttora in produzione, e Venezia, realizzata in PP con stampaggio a iniezione “air molding” di seconda generazione, selezionata per il Compasso d’Oro.