Guida alla scelta della stufa a pellet

Potenza stufa a pellet

Se ci stiamo chiedendo quale stufa a pellet scegliere, prima di procedere all’acquisto occorre considerare le caratteristiche dell’abitazione in cui posizioneremo l’apparecchio, verificando il numero di ambienti che si desiderano riscaldare, la potenza termica richiesta alla stufa a pellet, la presenza di una canna fumaria, la posizione in cui collocheremo la stufa.

Per potere scegliere la stufa pellet più adatta alle personali esigenze, occorre capire quanto potente deve essere. Come? Calcolando il proprio fabbisogno calorico, ossia la quantità di calore di cui necessitiamo, che varierà in base al volume dell’ambiente da scaldare, al grado di isolamento dell’abitazione e alla sua posizione (la presenza di un lago o di un corso d’acqua aumenta la dispersione termica). Da considerare anche il rendimento dell’apparecchio, ossia la quantità di calore che riesce ad ottenere dalla combustione del pellet.

Non vanno tralasciate le certificazioni che ne garantiscono la qualità, così come vanno sicuramente preferiti modelli di stufe con bassi livelli di emissioni.

In foto: stufa a pellet Musa di MCZ

Potenza stufa a pellet

SELF CAP 100 CAPSULE CARICABILI PER NESPRESSO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€


Prima dell’acquisto

quale stufa a pellet Dopo avere verificato tali caratteristiche, sia consultandone il libretto di prodotto sia raccogliendo informazioni utili in rete, sui siti delle aziende produttrici, o rivolgendosi e professionisti del settore, è bene, prima di decidere quale stufa a pellet scegliere, verificarne personalmente l’uso e le prestazioni.

La praticità del prodotto, che ce ne garantirà l’uso migliore, si può toccare con mano osservando l’apparecchio in funzione e valutandone l’aspetto della fiamma (che deve essere simile a quello dei prodotti a legna) e il grado di silenziosità.

Chiedete al rivenditore a cui vi rivolgerete per l’acquisto come programmare accensione e spegnimento della stufa. Si programma da display, da telecomando? La programmazione è intuitiva? Si può controllare a distanza?

Altre caratteristiche da valutare riguardano il combustibile utilizzato: come va caricato il pellet, direttamente dal sacchetto o utilizzando una paletta? Il serbatoio che lo contiene è capiente e quindi garantisce una buon autonomia ed è facilmente apribile/chiudibile?

Da non tralasciare l’impegno che comportano le operazioni di pulizia. Come avvengono? Quali prodotti usare e con quale periodicità? Si accede facilmente alle parti della stufa che vanno pulite?

E’ possibile trovare risposte esaustive a tutte queste domande rivolgendosi ai negozi in cui comprerete la stufa a pellet e dove potrete verificarne dal vivo le caratteristiche.

In foto: stufa a pellet Star 2.0 di MCZ

  • stufa a pellet Quando dobbiamo decidere come scegliere una stufa a pellet la prima cosa da fare è informarsi con accuratezza e considerare lo spazio e la stanza in cui la stessa sarà collocata.Questo...
  • stufa a pellet da arredamento A differenza di qualche anno fa adesso una stufa può essere benissimo in grado di sostituire la caldaia in casa facendo così risparmiare sul riscaldamento dell'appartamento, il tutto sta nello sceglie...
  • Funzionamento di una stufa a pellet Le stufe a pellet sono oggi decisamente costose, ma il loro prezzo diminuisce di molto se si valuta anche il risparmio che ci garantiscono. Una stufa a pellet di medie dimensioni può costare attorno a...
  • termostufe Le stufe che si collegano ai termosifoni a pellet o a legna sono chiamate “idrostufe” o “termostufe”. In pratica, mentre le stufe tradizionali scaldano soltanto l’aria, questi prodotti sono in grado d...

NORDICA STUFA LEGNA SUPER JUNIOR PANORAMICA NERA NORDICA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 404,89€


Silenziosità e fiamma della stufa

fiamma stufa a pellet Silenziosità e fiamma della stufa a pellet sono due degli aspetti da considerare con maggiore attenzione prima di procedere all’acquisto.

La silenziosità dipende da quale tipo di ventilatori viene utilizzato e dalla progettazione della stufa che, nei modelli più recenti, prevede che, raggiunta la temperatura desiderata, il ventilatore venga spento. Le più silenziose restano le stufe che riscaldano per convenzione naturale.

La fiamma di una stufa a pellet di qualità ha un aspetto naturale e gradevole, simile a quello delle stufe a legna. All’estetica della fiamma contribuisce anche un braciere lungo e stretto, che permette una più omogenea distribuzione del combustibile.

In foto: stufa a pellet Flair di MCZ


Guida alla scelta della stufa a pellet: Ultimi accorgimenti

installazione stufa a pellet Prima di concludere l’acquisto è necessario richiedere un sopralluogo di un esperto, che verifichi che sussistano tutte le condizioni necessarie all’installazione della stufa a pellet. Solo un esperto, infatti saprà effettivamente calcolare il fabbisogno calorico a cui dovrà rispondere la stufa e potrà stabilire il miglior percorso per le canalizzazioni necessarie all’installazione.

A chi rivolgersi? Chiedete al rivenditore presso cui acquistate la stufa a pellet: vi fornirà una propria figura interna o vi saprà indicare un consulente esterno affidabile.

Anche per il montaggio della stufa a pellet rivolgetevi a un installatore professionista (vi potrà fornire il nominativo l’azienda produttrice). E’ necessario affinché siano rispettate e verificate le condizioni e le norme di sicurezza richieste per una corretta installazione e per un ottimale funzionamento del prodotto.