Specchio ingresso, lo stile che cambia

Dal passato al presente

La conformazione delle case di un tempo prevedeva un classico spazio di ingresso, da cui poi era possibile accedere ai diversi vani dell'abitazione. Negli appartamenti moderni, questa suddivisione non avviene più, ma, non per questo non è possibile allestire un angolo ingresso che risulti comodo e funzionale.

Con le nuove tipologie di spazi abitativi, compatte e funzionali, si tende a eliminare sempre più la suddivisione degli spazi in piccoli ambienti poco pratici, realizzando accessi diretti dall’esterno verso lo spazio giorno, che spesso è caratterizzato da un open space sala cucina, di grande carattere.

I nuovi spazi abitativi presentano così un migliore sfruttamento dello spazio, ottimizzandolo e rendendolo più luminoso.

Possiamo però ricavare ugualmente una zona destinata ad ingresso, andando in controtendenza con gli stili moderni ma al contempo mantenendoli, adattando la funzione passata dell’ingresso a quell’attuale moderna e minimale. Un elemento importante per definire questo angolo è certamente lo specchio ingresso, complemento che può assumere diverse connotazioni.

Ma come? Realizzando specchio ingresso in tema moderno.

In foto: esempio di soluzione moderna con lo specchio Cinquanta 09 di Birex con applicati appendiabiti colorati.

Specchio  Cinquanta 09 Birex


Le funzioni dello specchio e lo stile moderno

particolare specchio Vu di Tonelli Design Riportare la funzione dello specchio ingresso nello stile moderno attuale non è impossibile: di grande utilità in passato, l’ingresso con il suo mobile di raccolta e il grande specchio che lo sovrastava, era anche un piccolo luogo in cui riporre gli oggetti una volta entrati in casa, dove togliersi scarpe e depositare cappotti e abiti della stagione fredda.

Se la casa è in stile moderno, ma abbiamo un accesso con gradini, è possibile posizionare uno specchio articolato, a lato della scala,per dare un maggiore senso di spazialità, grazie all'ampliamento garantito dalla superficie specchiata.

Il segreto è adattarsi all'ambiente a disposizione: se l’accesso alla casa avviene in uno spazio open space con un gradevole paravento, possiamo ricreare una piccola area in cui fissare un grande e minimale specchio, magari dato dall’alternarsi di differenti piani, quasi a creare appoggi per oggetti come chiavi e altro, che abbiamo in tasca. In questo modo superfici articolate e gradevoli ci accoglieranno mantenendo la funzione antica dello specchio e del mobile che lo accompagnava ma senza cozzare con lo stile presente.

in foto: un particolare esempio specchio ingresso VU di Tonelli Design, in cui la superficie specchiata è rivestita con del vetro, per trascendere dalla sua funzione primaria, regalando immagini dalle mille sfaccettature.

 

  • Mobiletto multifunzione Quando pensiamo all’arredo del bagno soprattutto quando lo spazio è ridotto, l’impiego di mobiletti multiuso è una delle soluzioni più adatte per risolvere gli spazi e...
  • mobili per ingresso Mobili per ingresso fondamentali per completare lo spazio in entrata, utilissimi e molto funzionali nell’accoglierci all’arrivo in casa.Differenti forme e dimensioni, materiali e funzioni cui poss...
  • mobili per ingresso Arredare l’ingresso di casa è una questione che merita un importante approfondimento poichè rappresenta il primo approccio con l’interno.Sempre più frequentemente ...
  • edonè eos Linee minimal e design innovativo arredano con classe lo spazio bagno con uno stile unico e ricercato. Forti di soluzioni tecniche e funzionali e della cura di ogni minimo dettaglio, le novità present...


Specchio ingresso, lo stile che cambia: Specchi di design per l'ingresso

bizzotto Ellisse Specchi ingresso di ogni genere sono presenti nel panorama odierno del design, dal più minimale al più eccentrico.

In alcuni casi un ritorno al passato si accosta con piacere a elementi di grande minimalismo, come a voler creare una rottura con il presente.

È il caso di Bizzotto con la sua particolarissima collezione Ellisse (in foto): una specchiera sopra ingresso destrutturata stilisticamente e formalmente in quattro parti, a comporsi visivamente e percettivamente.

Linee antiche e filosofia attuale completano l’estetica di quest’oggetto, volutamente con richiamo al passato.

Eccentrico e innovativo il pensiero di specchio di Christopher Guy, nel suo elemento di particolarissimo design, Peony. 

Questo specchio è caratterizzato da un vetro centrale circondato da cerchi non concentrici che si avvolgono caoticamente tra loro, creando movimento. Eccentrico e tutto da scoprire come l’altra soluzione da lui proposta, Cubic: in questo caso lo specchio si compone di differenti quadrati assemblati in modo articolato a formare un elemento che non ha una forma ben precisa. Interessante e da scrutare per percepirne fine e inizio.