Librerie a parete, versatilità compositiva

- 14 febbraio 2020

Progettare una libreria a parete, ecco come fare

Prima di acquistare una libreria a parete, di qualunque marca e tipologia, è consigliabile mettere nero su bianco un progetto per poi portarlo al rivenditore o produttore. Le librerie modulari sono oggi le più richieste e diffuse, proprio perché rendono possibile un elevato livello di personalizzazione.

Il primo passo consiste nello stabilire la collocazione della libreria e prendere con esattezza tutte le misure dello spazio in questione. Quindi si passa a definire le dimensioni ideali della libreria, tenendo presente che le scaffalature hanno in genere una profondità pari a circa 30 cm.

Importante è anche decidere se il mobile debba arrivare al soffitto (o quasi) oppure avere un’altezza più ridotta. Il living, nella maggior parte dei casi, consente una libertà maggiore rispetto alla camera da letto e alla cameretta. E la larghezza?

Vi sveliamo un trucco: mettete in fila i vostri libri, creando delle colonne, affiancate queste ultime e misurate. Considerate anche la superficie occupata dai ripiani.

3 idee per una libreria a parete sospesa

Le librerie a parete sospese sono soluzioni salvaspazio, ma offrono altri vantaggi: danno un senso di leggerezza e indubbiamente rendono più originale l’ambiente in cui si collocano, oltre ad essere perfette rappresentanti del design contemporaneo. Ecco 3 proposte che possono essere ottime fonti di ispirazione.

  • La prima è la libreria Graduate ideata da Jean Nouvel per Molteni&C: si tratta di un’unica mensola che può essere ancorata alla parete oppure al soffitto. I tiranti in acciaio sorreggono ripiani in legno e alluminio, che sembrano quasi galleggiare. I montanti presentano tacche graduate e quindi permettono di posizionare i ripiani come meglio si crede.
  • Nella seconda foto vedete la libreria 30 mm di Lago: lo spessore è pari, appunto, a 30 mm. Questa proposta è integrabile con i contenitori del sistema 36e8, in modo da ottenere soluzioni modulari. Per quanto concerne i ripiani, sono disponibili ben 32 differenti laccature. Il sistema di fissaggio è nascosto nel fianco.


E infine l’originale Randomito di Mdf Italia, che forma un segno grafico irregolare e di grande impatto (nonostante le dimensioni contenute). Si tratta di un unico modulo reversibile verticalmente, che si può unire ad altri moduli per ottenere configurazioni personalizzate. Si sceglie fra diversi colori.

Le librerie a parete di design

Le librerie a parete di design hanno forme estrose, spesso stilizzate, a volte imprevedibili. Catturano l’attenzione, sono in molti casi realizzate con materiali innovativi (o pregiati) e sono dotate di un forte potere decorativo. Ne abbiamo selezionato 3 per voi.

  • La prima è Nikkie di Italy Dream Design. Una libreria in adamantx, un materiale composito 100 per cento made in Italy, frutto della lavorazione di espansi rivestiti con resine speciali. Dimensioni: larghezza 180 cm, profondità 30 cm, altezza 125 cm.
  • La seconda è la scultorea libreria W Su Line di Ronda Design: la combinazione di poligoni irregolari in metallo verniciato ricorda la via Appia a Roma. Si può fissare alla parete in senso sia orizzontale che verticale.


E poi abbiamo la raffinata Lexington di Devina Nais in legno massello di rovere, una libreria sospesa composta da due grandi cornici simmetriche caratterizzate da una trama unica.

I prezzi delle librerie componibili a parete, qualche esempio

Il prezzo delle librerie componibili dipende da diversi fattori, in primis le dimensioni (e il numero di moduli), la marca, i materiali utilizzati. Per una libreria media, che prende solo una porzione di parete, possono bastare anche 200 euro. Se però si tratta di una creazione di design, si raggiungono anche i 350-400 euro, se non di più. In foto vi mostriamo Uptown di Opinion Ciatti, che costa circa 380 euro.

Una libreria a parete che occupa gran parte del muro e arriva al soffitto ha un prezzo minimo di 600-700 euro, ma non è raro arrivare anche a 1.000 euro. Una proposta di design può toccare quota 2.000-2500 euro. Vale lo stesso discorso degli abiti, per capirci meglio: se sono firmati, la cifra in ballo è alta.

E lo stesso dicasi nel caso in cui si scelga un mobile su misura. Ma non mancano, vogliamo ribadirlo, proposte di qualità più che soddisfacente che non richiedono spese particolarmente elevate.