Piano Cottura Bosch

Filtra i risultati

La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 21 ottobre 2020

Un piano cottura misto è la soluzione ideale per chi vuole fornelli a induzione di ultima generazione, senza, però, rinunciare al gas.

- 23 ottobre 2020

Un piano cottura 5 fuochi solitamente ha un'estensione di 75 cm e i cinque bruciatori servono per l'uso contemporaneo di diverse pentole.

Quali tipi di piani cottura produce Bosch

Bosch non è soltanto una delle più grandi aziende tedesche, ma anche una fra le più note al mondo: è presente in oltre 150 Paesi, Italia compresa. La produzione di questo marchio comprende anche grandi elettrodomestici di alta qualità e qua vogliamo puntare i riflettori sui piani cottura. Bosch propone numerosi modelli appartenenti alle seguenti tipologie:

  • A gas: Il numero dei bruciatori varia da 4 a 5, la larghezza di questi piani varia da 30 a 90 cm. Per quanto riguarda il materiale utilizzato per realizzare la superficie, si sceglie fra acciaio inox, vetro temperato e vetroceramica. Molti di questi elettrodomestici sono dotati della tecnologia FlameSelect: è cioè possibile regolare con precisione l’intensità della fiamma (i livelli sono 9 in tutto). Le griglie sono in ghisa oppure in acciaio smaltato.
  • A induzione: Il catalogo è composto da circa trenta modelli e quasi tutti sono dotati del sensore PerfectFry, che controlla costantemente e in modo automatico la temperatura durante la preparazione di fritture e alimenti arrostiti, adattandola di volta in volta al tipo di alimento e alle esigenze dell’utente; a seconda dei modelli, i livelli sono 4 o 5. Molti di questi piani, inoltre, si caratterizzano per il sistema FlexInduction, grazie al quale è possibile usare più pentole e padelle contemporaneamente e posizionarle come si ritiene più opportuno, anche una dietro l’altra o una accanto all’altra. Un’ulteriore peculiarità di questi prodotti è il timer contaminuti.
  • Elettrici: la superficie di questi piani radianti è in vetroceramica, il processo di cottura risulta molto rapido e notevole è la facilità di pulizia. La zona di cottura presenta un diametro pari a 21 cm ed è ampliabile.
Bosch produce anche un piano a induzione con cappa integrata: due elettrodomestici in uno.

Le funzioni speciali dei piani a induzione Bosch

I piani a induzione sono il fiore all’occhiello di Bosch. Si tratta infatti di elettrodomestici altamente performanti e innovativi, dotati - a seconda dei modelli - di funzioni speciali che semplificano al massimo la preparazione delle più disparate pietanze. Qualche esempio? La funzione PowerBoost, che aggiunge potenza in modo da rendere ancora più veloce il processo di cottura; per esempio, è possibile portare a ebollizione due litri di acqua quasi tre volte più rapidamente rispetto ai piani in vetroceramica. E poi il sistema PerfectCook, che monitora e regola automaticamente la temperatura annullando il rischio che i piatti risultino stracotti o si brucino e che i liquidi trabocchino dalle pentole. Diversi piani cottura a induzione Bosch, inoltre, presentano il pannello comandi TouchSelect: l’utente regola la zona di cottura desiderata, ovvero il relativo livello di potenza, semplicemente con un dito e premendo i controlli + e -. E ancora, quando si fanno fritture subentra il sensore FryingSensor Plus, che regola la temperatura sulla base di quattro livelli di cottura oppure nove programmi. Di grande utilità è infine la CombiZone, che consiste nella possibilità di unire due zone di cottura singole ottenendone una adatta alle pentole molto grandi.

I prezzi dei piani cottura Bosch

E veniamo ai prezzi, facendo qualche esempio concreto. Un piano cottura a gas Bosch con quattro bruciatori costa mediamente fra i 250 e i 450 euro; se i bruciatori sono invece cinque, si va all’incirca dai 500 ai 650 euro. I piani a induzione, naturalmente, risultano più costosi (è una regola generale). Per un modello con quattro piastre la spesa media è compresa fra i 550 e i 1.650 euro; più elevato è il numero di funzioni speciali, più il prezzo sale. E, com’è facilmente intuibile, anche la presenza del pannello di controllo touch e il riconoscimento automatico della pentola fanno lievitare i numeri in ballo.