Filtra i risultati

La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 06 aprile 2018

Camino a pellet: alternativa a stufa a pellet e camino a legna, unisce il meglio di entrambi. Guida alla scelta

- 19 gennaio 2018

Si possono realizzare camini in pellet nuovi o trasformare, con l’installazione di appositi inserti, tradizionali camini a legna in camini in ...

- 03 gennaio 2018

I camini moderni non sono solo un mezzo per riscaldare il proprio appartamento. Essi rappresentano un vero e proprio elemento d'arredo, da scegliere ...

- 22 novembre 2017

Caminetti d'arredo, come sceglierlo: consigli relativi al funzionamento, allo stile, alle diverse tipologie disponibili in commercio.

- 02 maggio 2016

I termocamini a legna e a pellet riscaldano l'acqua e possono affiancare gli altri impianti presenti in casa. MCZ propone diversi modelli di qualità.

- 02 aprile 2015

Il camino a pellet sfrutta tecnologie all’avanguardia in grado di aumentare le prestazioni del prodotto riducendo i consumi e le emissioni. Inoltre è ...

- 27 marzo 2015

Progetto camino a pellet a Lione. Il camino in cucina incassato nella colonna degli elettrodomestici scalda e arreda l'ambiente.

- 04 marzo 2015

Camino a pellet: unisce l'aspetto del camino tradizionale alla funzionalità legata al combustibile che utilizza. Ecco perché decidere di acquistarlo.

- 19 febbraio 2015

I rivestimenti per camini possono differire tra loro in forma e materiale, a seconda di esigenze e gusti personali.

- 30 novembre 2014

Un caminetto a pellet MCZ scelto per essere inserito in un progetto realizzato in Francia.

- 27 novembre 2014

I camini a pellet utilizzano un combustibile pulito per riscaldare l'ambiente domestico, sono facilmente programmabili e gestibili, non sporcano e ...

- 12 novembre 2014

Guida alla scelta e alla installazione di un camino. Varianti ed esigenze da considerare per progettare un camino al meglio.

- 04 ottobre 2014

Attraverso l'uso del pellets come combustibile si può risparmiare sul costo dell'energia per il riscaldamento, ed avere una gestione dei costi ...

- 07 novembre 2013

I caminetti moderni associano tecnologie innovative a un design che ne fa veri e propri complementi di arredo.

Cos’è un camino a pellet e come funziona

Il camino a pellet rappresenta un’alternativa efficace e soprattutto ecologica al tradizionale camino a legna. A quest’ultimo è molto simile per quanto riguarda sia l’estetica che il funzionamento; la grande differenza sta proprio nel combustibile: il pellet è sempre un materiale del tutto naturale, però viene ricavato dagli scarti della lavorazione del legno, quindi il processo produttivo non danneggia in alcun modo l’ambiente. Inoltre costa molto meno e ha un ingombro nettamente ridotto rispetto alla legna: fattori, questi, tutt’altro che secondari. I camini alimentati con pellet si dividono in due tipologie, ovvero quelli ad aria e quelli ad acqua. Nei camini ad aria il calore deriva semplicemente dalla combustione e viene diffuso per mezzo di apposite bocche e/o griglie. L’aria calda può essere condotta anche nelle stanze adiacenti, in maniera omogenea, tramite un sistema di canalizzazione. Non c’è alcun collegamento con il sistema di riscaldamento già presente nella casa, l’indipendenza è massima. Nei camini ad acqua il vettore termico non è l’aria bensì – appunto – l’acqua. Proprio come una caldaia, questi camini riscaldano l’acqua che circola nell’impianto di riscaldamento generale e, di conseguenza, anche l’ambiente. I caminetti a pellet ad aria costano meno di quelli ad aria, ma non possono riscaldare spazi ampi. I camini ad acqua, invece, sì. E sono anche in grado di sostituire completamente la caldaia, perché in grado di far arrivare l’acqua calda sanitaria nella cucina e nel bagno. La loro capacità termica, in altre parole, è di gran lunga superiore. I camini a pellet si differenziano fra loro anche per quanto concerne le forme, le dimensioni e la potenza.

Perché comprare un camino a pellet

Sono diversi, e tutti validi, i motivi che conducono all’acquisto di un camino a pellet. Innanzi tutto, ormai tutti i modelli in commercio sono caratterizzati da un design moderno e molto accattivante, per cui è possibile considerarli anche veri e propri elementi di arredo. In secondo luogo, i caminetti a pellet sono caratterizzati da un focolare chiuso, di conseguenza il grado di sicurezza è maggiore ma non solo: il calore resta nella camera di combustione più a lungo e viene propagato nell’ambiente in modo graduale mediate i rivestimenti, che nella maggior parte dei casi sono in ghisa, maiolica o ceramica (tutti materiali in grado di accumulare elevatissime percentuali di calore). E ancora, giova ribadirlo, il pellet è economico e non occupa molto spazio. Inoltre chi sceglie un camino alimentato con questo combustibile non deve combattere contro polveri e cenere. La gestione e l’utilizzo, in più, risultano assai semplici. Aggiungiamo che nel caso dei caminetti progettati per la combustione del pellet è possibile programmare l’accensione e lo spegnimento per mezzo di un telecomando o tramite smartphone: trovare la casa già calda, quando si torna è casa, è un piacere senza eguali. Come se non bastasse, l’utente ha la facoltà di stabilire con precisione la temperatura che desidera sia raggiunta dal caminetto. Non si trascuri il fatto che chi sceglie un camino a pellet può usufruire delle agevolazioni fiscali previste dal Governo italiano per le energie rinnovabili, più precisamente della detrazione pari al 50 per cento per le ristrutturazioni oppure del rimborso immediato tramite il Conto Termico 2.0.

Quanto costano i camini a pellet

I prezzi dei camini a pellet variano in base alle caratteristiche strutturali, al design, alle dimensioni, alla potenza, alla marca. Inoltre i modelli canalizzati e i modelli ad acqua sono più costosi dei modelli ad aria. Fornirvi indicazioni precise non è quindi possibile, ma vogliamo comunque darvi un’idea della spesa da affrontare. Il più piccolo e semplice dei caminetti a pellet costa 200-300 euro, ma nel caso dei prodotti più ampi, potenti e performanti la cifra in ballo può anche raggiungere il tetto dei 3.500 euro. Spendendo più o meno 2.000-2.500 euro, di conseguenza, si porta a casa un caminetto a pellet ad aria sicuramente bello, efficace e funzionale. Un discorso a parte è rappresentato dai costi di installazione; il consiglio è quello di chiedere un sopralluogo tecnico e un preventivo senza impegno ad almeno due rivenditori specializzati, in modo da avere risposte molto chiare e dettagliate.